11enne resta paralizzata dal petto in giù: “Malattia colpisce 1 su 1 milione”

0
20

A causa di una malattia che colpisce “una persona su un milione” Malika Mawhinney, 11 anni, è rimasta paralizzata dal petto in giù.

A causa di una rarissima patologia Malika Mawhinney, 11enne inglese grande amante della ginnastica, è rimasta paralizzata dal petto in giù. La ragazzina era tornata da scuola il 16 marzo con un dolore insopportabile alla schiena. Sua madre Debbie l’ha portata subito in ospedale, dove in seguito le è stata successivamente diagnosticata una mielite trasversa, un grave disturbo causato da un’infiammazione del midollo spinale.

Leggi anche –> Donna soffre di malattia misteriosa da 10 anni: vomita ogni volta che mangia

Leggi anche –> Malato incurabile decide di morire in diretta Facebook: “Non ho una vita dignitosa”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La battaglia di Malika, paralizzata ma ottimista

Oggi Malika, che pratica boxe e ginnastica da quando aveva tre anni, ha dovuto rinunciare ai suoi sport preferiti. Ma sua mamma dice che è rimasta “frizzante” e “felice” nonostante tutto. Sfortunatamente, la possibilità di una guarigione è “estremamente esile”. “Ci è stato detto che questa malattia colpisce meno di un bambino su un milione ed è ancora più raro che si riesca a trovare una causa”.

“Le hanno fatto così tanti esami ma non hanno ancora idea di cosa l’abbia causato – continua la mamma di Malika, che ha altri tre figli più grandi -. Può muovere il braccio sinistro e la mano sinistra, il che è una fortuna perché è mancina. Può ancora muovere il braccio destro ma non ha presa su quella mano. Ha bisogno di cure costanti, quindi sto cercando di fare tutto il possibile per farla sentire a proprio agio”.

Malika ha trascorso quattro mesi in ospedale dopo la diagnosi ed è stata finalmente dimessa il 22 luglio scorso. La famiglia ora sta aspettando di trasferirsi in una casa adatta a soddisfare le esigenze della ragazza, che attualmente dorme nel soggiorno della famiglia. Nel frattempo Debbie ha creato una pagina GoFundMe nella speranza di raccogliere fondi per aiutarli a spostarsi in un luogo più adatto e si è detta “stupita” della risposta. “La quantità di sostegno che abbiamo ricevuto è stata semplicemente incredibile. C’è anche qualcuno dalla Nuova Zelanda che ha donato 50 sterline”.

“La diagnosi ha distrutto la nostra famiglia – conclude – ma Malika, anche se ha le sue giornate ‘no’ e si arrabbia per quello che è successo, è ancora una ragazza molto felice e frizzante e riesce sempre farmi sorridere. Ha affrontato incredibilmente bene la sua battaglia… È molto simpatica e molto forte, cosa che penso l’abbia aiutata ad attraversare tutto questo”.

Leggi anche –> La misteriosa malattia di Daisy: ha 19 anni ma è come se avesse 10 mesi

EDS