Viviana Parisi e Gioele: il sangue ritrovato potrebbe essere umano

Le indagini sulla misteriosa morte di Viviana Parisi e del figlio Gioele continuano. Ci sono buone possibilità che il sangue trovato sia umano.

La morte di Viviana Parisi e Giole Mondello è ancora oggi avvolta nel mistero. Gli esami effettuati sui due cadaveri e le prime analisi ambientali, infatti, non hanno fornito indicazioni chiare su quanto successo né su quale sia stata la causa della morte. Proprio dalle ricerche nei boschi di Caronia, però, potrebbe giungere la svolta sulle indagini. Sono state trovate, infatti, dieci differenti tracce che rispondono al luminol. L’ipotesi è che si tratti di sangue e che possa permettere di ricostruire il percorso effettuato dalle due vittime.

Leggi anche ->Viviana Parisi, niente sangue in auto: la morte di Gioele è un giallo

Tuttavia non si può al momento escludere che quelle macchie ritrovate e prelevate non siano di natura umana. Per questo motivo gli investigatori hanno raccolto dei campioni di sangue dagli animali delle fattorie presenti in zona. L’avvocato di Daniele Mondello, Pietro Venuti, è cauto e attende i risultati prima di esprimersi a riguardo: “Dobbiamo dire che tutti gli allevatori sono stati disponibili e che si è riusciti a fare le analisi agli animali. Dovremo aspettare una decina di giorni per conoscere i risultati”.

Leggi anche ->Caronia, la straziante lettera di Daniele Mondello a Viviana e Gioele

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Viviana Parisi e Gioele: “Il sangue potrebbe essere umano”

La cautela in questo caso è d’obbligo. Le tracce che hanno reagito al luminol, infatti, potrebbero essere risolutive ma anche rivelarsi un altro vicolo cieco. Il perché lo ha spiegato il biologo forense Salvatore Spitaleri: “La positività al Luminol non dà certezze che si tratti di sangue umano, potrebbe essere di animali. Senza contare poi alcune sostanze di natura vegetale che anch’esse forniscono positività al Luminol“.

Nel frattempo si cerca di ricostruire il percorso effettuato con l’auto da Viviana Parisi il giorno in cui lei e Gioele sono scomparsi. Per farlo si effettuerà un “pedinamento virtuale” attraverso le telecamere di sorveglianza, ma si procederà anche al controllo di smartphone e pc per capire se ci sono indicazioni utili sugli spostamenti e sulle intenzioni della donna.

Viviana Parisi gioele omicidio suicidio