Home News Coronavirus, severo monito dell’Oms: “Basta fingere”

Coronavirus, severo monito dell’Oms: “Basta fingere”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:58
CONDIVIDI

L’Organizzazione mondiale della Sanità invita ancora una volta a non abbassare la guardia sul fronte Coronavirus: “Non si può fingere che sia finita, i Paesi siano seri nella lotta a virus”. 

“Dopo 8 mesi di pandemia abbiamo capito che le persone sono stanche e desiderano andare avanti con le loro vite. Capiamo che i Paesi vogliono far andare avanti le loro società ed economie. E’ quello che anche l’Oms vuole, e supporta pienamente gli sforzi di riaprire. Vogliamo vedere i bambini tornare a scuola e le persone tornare al lavoro, ma vogliamo vederlo fare in sicurezza”. Così il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) Tedros Adhanom Ghebreyesus. “Nessun Paese può fingere che la pandemia di Covid-19 sia finita – ha poi ammonito l’esperto -. Se i Paesi sono seri sulle riaperture devono essere seri anche nella soppressione della trasmissione del virus e nel salvare vite”.

Leggi anche –> Coronavirus Scuola, la Azzolina: “Responsabilità storica grande”

Leggi anche –> Coronavirus 31 agosto: calano i contagi, ma anche i tamponi

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Coronavirus raggi solari

Il pericolo Coronavirus ancora in agguato

“La realtà – ha spiegato il direttore generale dell’Oms durante la conferenza stampa da Ginevra – è che questo Coronavirus si diffonde facilmente, può essere fatale per le persone di tutte le età e la maggior parte delle persone rimane suscettibile” al contagio. “L’ordine di restare a casa e altre restrizioni sono qualcosa che alcuni Paesi hanno sentito necessari per ridurre la pressione sul loro sistema sanitario. Ma hanno pagato un pedaggio pesante in termini di economie e salute mentale. L’Oms sostiene i loro sforzi di riapertura”. L’auspicato equilibrio tra sicurezza e libertà “sembra difficile, ma non è così – ha concluso Ghebreyesus -. Può essere fatto ed è stato fatto. Ma può essere fatto solo se i Paesi sono in una situazione di controllo della trasmissione”. A buon intenditore.

Leggi anche –> Viaggi in Francia, coronavirus: tamponi alle frontiere

Leggi anche –> Coronavirus Scuola: le proposte di Crisanti per la riapertura

EDS