Orso uccide uomo | attacco letale in un campeggio alle Isole Svalbard

Svalbard orso uccide uomo, aggressione letale ad una persona che si trovava nella località artica in un campeggio con il suo gruppo.

orso uccide uomo
Alle Isole Svalbard orso uccide uomo Foto dal web

Un orso uccide uomo dopo un drammatico attacco. L’assalto dell’animale feroce è avvenuto alle Isole Svalbard, nel Circolo Polare Artico. La vittima si trovava nell’arcipelago che cade sotto la giurisdizione della Norvegia a seguito di un gruppo di campeggiatori.

LEGGI ANCHE –> Sbranato dai leoni | muore il noto conservazionista West Mathewson

Tutti loro avevano preso alloggio a Longyearbyen, la città principale delle Svalbard, che sorgono a 1300 chilometri di distanza dal Polo Nord. Troppo gravi le ferite riscontrate dalla vittima, che è spirata poco dopo, quando i soccorritori hanno cercato di salvargli la vita. Per quanto riguarda l’orso, alcuni specialisti delle forze dell’ordine hanno dovuto usare la forza bruta e lo hanno abbattuto nei pressi di un parcheggio del locale aeroporto. Le autorità stesse stanno ora cercando di capire la dinamica di questo drammatico evento. La magistratura locale ha anche disposto lo svolgimento di un esame autoptico sulla vittima, che verrà eseguita nella località norvegese di Tromsoe.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Coccodrillo mangia bambino | i resti trovati 4 giorni dopo nello stomaco

Orso uccide uomo, al Circolo Polare Artico quegli animali sono specie protetta

L’orso che uccide l’uomo ha assalito il gruppo del quale questo faceva parte. Risultano esserci altre sei persone, tutte ricoverate per delle ferite di leggera entità. Alle Svalbard si trovano all’incirca mille orsi polari sui circa 23mila che popolano il Polo Nord. Orsi polari che sono una specie protetta dal 1973. Negli ultimi 50 anni si stima che questo sia il sesto caso di attacco letale da parte di uno di questi animali nei confronti dell’uomo. L’ultimo precedente è alquanto recente e risale al 2011, quando un altro orso polare ammazzò un ragazzo di nazionalità britannica di 17 anni. Gli esperti sono dell’opinione che la costante ritirata dei ghiacci, da attribuire ai nefasti effetti del riscaldamento globale, stia spingendo gli orsi a spingersi sempre più in ambienti abitati dall’uomo alla ricerca di cibo. E questo rende inevitabile gli incontri ravvicinati anche pericolosi.

LEGGI ANCHE –> Bambino di sei anni gioca in spiaggia, attaccato da un coccodrillo: è gravissimo