Viviana Parisi, parla il padre: “Grande superficialità nelle ricerche di mia figlia”

0
12

Sul caso di Viviana Parisi è intervenuto il padre, criticando la superficialità registrata nelle indagini. I 16 mila fotogrammi dei droni non sono stati utilizzati a dovere.

Si ritorna sul caso della dj trovata morta in provincia di Messina, Viviana Parisi. Suo padre, Luigino Parisi, si è recato in data odierna al tribunale di Patti con i suoi legali di fiducia Nicodemo Gentile e Antonio Cozza. In Procura è stato convocato anche Daniele Mondello, il padre di Gioele e compagno di Viviana.

LEGGI ANCHE -> Viviana Parisi vista dal drone, Gioele era vivo: poteva essere salvato

LEGGI ANCHE -> Viviana Parisi: particolari inediti dalle immagini del drone | VIDEO

Luigino Parisi ha commentato il caso della figlia Viviana, dicendo che: “Quando ho saputo che già all’indomani della scomparsa un drone ha ripreso il corpo di Viviana mi sono girati i co…i“. Il padre, molto provato, accusa le autorità di aver peccato di superficialità nelle ricerche della figlia e del nipote Gioele. “Avrebbero potuto scoprire il corpo di mia figlia già molto prima, se io sono un lavoratore devo guardare quelle immagini. Non che ho 16 mila fotogrammi e li guardo quando ho tempo“, ha commentato. Il procuratore di Patti, in provincia di Messina, Angelo Vittorio Cavallo, in data odierna conferirà gli incarichi ai consulenti di parte in vista del nuovo sopralluogo a Caronia. “Oggi speriamo sia una giornata decisiva“, ha commentato l’avvocato Gentile.

LEGGI ANCHE -> Viviana Parisi | per la Procura è omicidio suicidio | la famiglia ricorre

Alla Procura di Patti vertice per nuovi accertamenti

Mancano punti fermi, vogliamo solo capire quali sono le ipotesi e cosa è successo. Adesso continua il momento del dolore“, sottolinea l’avvocato della famiglia Parisi. La svolta nell’inchiesta con il cadavere di Viviana era già visibile il 4 agosto, il giorno successivo alla scomparsa. Secondo l’avvocato GentileLa famiglia vuole capire. Vogliamo capire. Nomineremo i nostri consulenti. C’è una dinamica che va ricostruita, speriamo che la medicina legale ci possa aiutare e darci risposte certe“. Nella procura di Patti continua il vertice tra il procuratore Angelo Vittorio Cavallo e cinque funzionari della Polizia scientifica di Palermo. Il magistrato darà l’incarico alla scientifica per eseguire nella giornata di domani nuovi accertamenti biologici non ripetibili. Si tratterebbe di materiale biologico prelevato sul cadavere di Viviana Parisi e di altri esami del DNA per accertare le identità di madre e figlio. Verranno eseguite altre analisi anche sull’Opel corsa della donna.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!