Francesca Manfredi muore a 24 anni: spunta l’ipotesi overdose

0
14

La giovanissima Francesca Manfredi è morta a 24 anni in una vasca di acqua ghiacciata: s’indaga sull’ipotesi overdose.

Concluso il liceo nella sua Brescia, Francesca Manfredi non era riuscita ancora a trovare una propria strada. Appassionata di tatuaggi e serate in discoteca, la giovane lombarda lavorava saltuariamente come cameriera e sognava per la sua vita una svolta che l’avrebbe portata a trovare un’indipendenza. Da settimane diceva ai suoi amici di voler cambiare vita, di volersi staccare dalle cattive abitudini che avevano caratterizzato i suoi ultimi anni.

Leggi anche ->Adolescente morta, overdose a 15 anni: droga fornita dalla cugina

Quel desiderio di sentirsi finalmente realizzata, purtroppo, non si avvererà mai. Francesca, infatti, è morta la notte tra sabato 22 e domenica 23 agosto, dopo aver passato una serata in compagnia di amici. La giovane bresciana era stata in un pub e poi aveva continuato la serata in casa di uno dei presenti. Non è chiaro se a quella festa era presente anche il ragazzo con il quale si frequentava. Tuttavia, secondo una prima ricostruzione, Francesca avrebbe bevuto qualche cocktail e, forse, assunto delle droghe.

Leggi anche ->Ragazza muore | addio alla 16 Jasmine investita da un treno

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Morte Francesca Manfredi: il malore, la vasca con il ghiaccio e la chiamata ai soccorsi

Ad un certo punto della serata Francesca ha perso conoscenza. Gli amici presenti hanno capito che si era sentita male ma, invece di chiamare i soccorsi, hanno deciso di metterla in una vasca da bagno, ricoprendola solamente di ghiaccio. Speravano che in questo modo la giovane si sarebbe ripresa e probabilmente non avevano compreso che le sue condizioni erano realmente gravi. Solo la mattina, successiva, quando si sono resi conto che non si era più svegliata, i giovani hanno chiamato i soccorsi.

Purtroppo, una volta giunti sul luogo, gli operatori sanitari non hanno potuto fare altro che dichiararne il decesso. Adesso gli investigatori cercano di capire se ci fossero margini per salvarle la vita. Decisiva in tal senso sarà l’autopsia sul suo cadavere. Da questa, infatti, si scoprirà sia l’ora del decesso che la causa. Sarà dunque possibile stabilire se un intervento immediato dei soccorritori le avrebbe potuto salvare la vita. L’ipotesi principale è che la morte possa essere stata causata da un’overdose.