Sospettato di omicidio, teneva le sue vittime nel freezer: scoperto dopo 3 anni

0
3

Un uomo, sospettato di un duplice omicidio, deve affrontare il suo processo. E’ accusato di aver ucciso due donne e aver tenuto i loro corpi nel freezer.

Un uomo, tale Zahid Younis di 35 anni, è sospettato di un duplice omicidio. Henriett Szucs, una donna ungherese di 34 anni, non è più stata vista da quando si è trasferita a casa di Younis nell’estate del 2016. Mihrican Mustafa, di 38 anni, visitava l’uomo nella sua casa di Canning Town, a Londra, prima di sparire nel maggio 2018.

LEGGI ANCHE -> Morte Gioele, gli inquirenti annunciano: “Abbiamo una pista chiara sull’accaduto”

LEGGI ANCHE -> Violenza sulle donne | stuprata dal marito a casa più di 100 volte

I corpi delle due donne sono stati ritrovati all’interno di un freezer nella casa di Canning Town di Zahid Younis durante una ricerca della Polizia lo scorso anno. Entrambi i corpi avevano sofferto delle lesioni, come ossa rotte e nel caso della signorina Mustafa il suo sterno e la laringe erano fratturati. Conosciuta anche come MJ e Jan, la giovane aveva problemi di dipendenza e viveva per strada, come prostituta, ma aveva iniziato a passare molto tempo con Younis prima di sparire. Di Henriett Szucs l’imputato ha detto che “era una rottura“, una ragazza con la quale aveva avuto dei rapporti ma con la quale non desiderava avere una relazione, che però non sembrava capire i suoi rifiuti.

LEGGI ANCHE -> Doncaster, cinque donne uccise in sette settimane: ondata di omicidi

Un uomo dal passato oscuro

Zahid Younis ha raccontato alla corte che la signorina Szucs ogni tanto si presentava a casa sua, che usava come rifugio quando non voleva farsi trovare. Del giorno della sua morte ha detto che: “Ero uscito per qualche ora e quando sono tornato lei era sul divano e pensavo stesse dormendo. Le ho chiesto se volesse del thè ma non mi ha mai risposto“. Quando si è reso conto che la giovane era morta ha provato a farle la respirazione ma, quando non ha avuto successo, si è “impanicato” e ha deciso di metterla nel freezer. Con l’aiuto di un complice Younis sarebbe riuscito a comprare un pozzetto e a metterci dentro il corpo della ragazza. L’uomo durante il processo ha continuato a sostenere di essere stato vittima del panico e a continuato a negare il suo coinvolgimento con gli omicidi e il suo passato violento con le donne, emerso durante le investigazioni.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!