Muore al supermercato | i colleghi nascondono il corpo in corsia | FOTO

Ha un improvviso malore e muore al supermercato. La direzione del negozio ordina ai suoi colleghi di celare il cadavere in corsia tra i clienti.

muore al supermercato
Dipendente muore al supermercato ed i colleghi ne nascondono il corpo così Foto dal web

Un dipendente muore in negozio ed i suoi colleghi ne coprono il corpo con degli ombrelli. Il tutto proprio in mezzo alle corsie abitualmente percorse dai clienti. È questo il triste destino capitato a Manoel Moisés Cavalcante, 59 anni.

LEGGI ANCHE –> Gioele, il carabiniere che ha trovato i resti rivela: “Ecco come ho fatto”

Lui era uno degli impiegati di un Carrefour in Brasile, che proprio sul posto di lavoro ha accusato un grave malore tale da stroncarlo sul posto nel giro di pochi minuti. Manoel è stramazzato lì a terra ed i suoi colleghi hanno chiamato subito una ambulanza e poi la polizia mortuaria. Ma per disposizione diretta della direzione dell’esercizio commerciale, alcuni di loro hanno provveduto a nasconderne il corpo con degli ombrelli aperti e con degli scatoloni.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> “Mauro Romano è vivo”: si riapre il caso del bimbo scomparso

Muore al supermercato, la direzione in un secondo momento si scusa

Questa assurda tragedia è avvenuta nella città di Recife, all’incirca una settimana fa. E tutto questo è stato deciso per evitare di chiudere il negozio. Ma alcuni dei clienti presenti, con grande indignazione, hanno fotografato il tutto per poi postare le immagini sui social. Successivamente poi la direzione stessa di quel punto Carrefour ha pubblicato una nota all’interno della quale ha presentato le proprie scuse per quanto successo. I vertici direttivi parlano di modi sbagliati ed inadeguati nell’affrontare un dramma del genere. Per poi passare a degli elogi di rito per il povero Moises. “Restare aperti invece di chiudere è stato un errore madornale”.

LEGGI ANCHE –> Neonato abbandonato in un centro di riciclaggio: caccia alla mamma