Bambino ucciso | minacce a lui e al padre | ‘Ucciderò tuo figlio’

0
4

Il convivente di Evan Lo Piccolo, il bambino ucciso a neanche 2 anni, minacciava il piccolo e suo padre. “Togli la residenza da qui o lo ammazzo”.

bambino ucciso Evan Lo Piccolo
Evan Lo Piccolo il bambino ucciso a Modica Foto dal web

Il povero Evan Lo Piccolo era il bambino ucciso a seguito di evidenti maltrattamenti perpetrati a quanto pare dal patrigno, un uomo di 32 anni, Salvatore Blanco. Quest’ultimo è finito in manette con le accuse di maltrattamenti su minore ed omicidio volontario.

LEGGI ANCHE –> Bimbo morto a Modica, il papà inascoltato: “Aveva presentato un esposto”

E con lui in manette risulta esserci anche la giovane madre di Evan, Letizia Spatola, 23 anni e che con quell’uomo era andata a convivere. Il vero padre del bambino ucciso – il 26enne Stefano Lo Piccolo – aveva ricevuto nei mesi scorsi dei messaggi di minaccia espliciti. Il convivente della sua ex compagna, presunto autore delle violenze su Evan, gli aveva scritto cose del tipo: “Se non togli la residenza da questa casa o mi denunci alle forze dell’ordine tuo figlio muore”. Parole tremende che risalgono allo scorso mese di aprile. Lo stesso padre del bimbo ha raccontato l’aneddoto al commissariato di Modica, in provincia di Ragusa.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Muore al supermercato | i colleghi nascondono il corpo in corsia | FOTO

Bambino ucciso, il convivente della mamma minacciava di continuo il piccolo ed il padre

Lo Piccolo riferisce che Blanco lo terrorizzava e minacciava di continuo sia lui che il povero Evan. Blanco usava il telefono cellulare della moglie per inviare i suoi messaggi minatori. Ed a Rosolini, in provincia di Siracusa, dove il piccino viveva, il sindaco ha proclamato il lutto cittadino. Tremende le lesioni riscontrare sul corpicino del bambino, tra cui un trauma cranico e lividi sul collo e sul petto. Blanco avrebbe pestato il piccolo con la complicità della mamma, che da par suo non avrebbe fatto nulla per impedire le violenze e tanto meno le ha denunciate. Nella giornata del 21 agosto 2020 avrà luogo l’interrogatorio di garanzia nei confronti dei due imputati.

LEGGI ANCHE –>  Bambino morto a Modica, lo strazio della nonna: “Ecco che gli hanno fatto”