Coronavirus, il nuovo decreto: novità sul “lockdown nazionale” – VIDEO

Il nuovo decreto del governo relativo all’emergenza Coronavirus sgombra il campo dall’ipotesi di un altro lockdown nazionale: ecco perché. 

cos'è e come funziona la norma discussa oggi in parlamento

Non ci sarà un nuovo lockdown nazionale. A escluderlo è il nuovo decreto sull’emergenza Coronavirus, adottato il 30 luglio scorso e in vigore fino al prossimo 15 ottobre. In commissione alla Camera un emendamento interpretativo del testo fa chiarezza sul punto: il dl, spiega il deputato PD Stefano Ceccanti, consente di limitare gli spostamenti solo “in relazione a specifiche aree del territorio nazionale, secondo principi di adeguatezza e proporzionalità al rischio epidemiologico”. In altre parole, se dovesse rendersi necessario un nuovo lockdown nazionale, sarebbe necessario il varo di un nuovo decreto per dare copertura normativa all’eventuale Dpcm.

Leggi anche –> Coronavirus 5 agosto: i casi in Italia sono in netto aumento 

Leggi anche –> Coronavirus, aumentano i casi nel mondo: “Rischio seconda ondata”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Gli ultimi provvedimenti sul fronte Coronavirus

Nel testo in bozza del Decreto Agosto sono in arrivo ulteriori novità con particolare riferimento al lavoro: dalla proroga della cassa integrazione con l’introduzione di un sistema differenziato per le imprese al rinnovo dei bonus 600 euro. Approvato il terzo scostamento di bilancio, è atteso in questa settimana il via libera su un nuovo pacchetto di misure per contrastare gli effetti economici dell’emergenza Coronavirus.

Tra conferme di quanto già stabilito nel Decreto Cura Italia e Rilancio e novità assolute, i 25 miliardi di euro previsti saranno destinati a interventi nell’ambito dell’occupazione, del fisco/liquidità, degli enti territoriali e dell’istruzione, con altre misure settoriali e generali in favore della crescita, secondo quanto annunciato dal ministro dell’Economia e delle Finanze Roberto Gualtieri durante l’audizione sulla Relazione al Parlamento e sul Programma Nazionale di Riforma del 28 luglio scorso.

EDS