Esonero Antonio Conte: ipotesi al vaglio, lui fa un passo indietro

Dopo le dure esternazioni di sabato si parla di un possibile esonero di Antonio Conte dalla panchina dell’Inter, l’allenatore intanto fa un passo indietro.

(Getty Images)

Il campionato di Serie A più insolito della storia recente si è concluso domenica con la seconda sconfitta di fila dei Campioni d’Italia. Un ruolino di marcia, quello della Juventus, che fa emergere più di un rimpianto negli immediati inseguitori. Mai come quest’anno, infatti, i bianconeri sono sembrati battibili ed imperfetti. La squadra di Sarri non ha mai trovato il gioco e spesso ha faticato con le grandi e con le piccole. In questo finale di campionato, poi, ci sono stati blackout clamorosi che hanno fatto temere un recupero da parte delle inseguitrici.

Leggi anche ->Antonio Conte furioso contro l’Inter, attacco senza precedenti alla società

L’inseguimento l’ha fallito soprattutto l’Inter di Antonio Conte. La squadra di Suning ha fatto una campagna acquisti sontuosa ed aveva una rosa in grado di competere con gli eterni rivali, ma sul più bello ha perso concentrazione e non è riuscita a sfruttare i passi falsi della capolista. L’allenatore, sabato sera, ha accusato apertamente la società, sostenendo che parte della colpa è da attribuire a chi non è riuscito a proteggere l’ambiente dalle critiche. Parole forti, che hanno fatto pensare ad un addio immediato da parte del tecnico pugliese.

Leggi anche ->Jonathan, che fine ha fatto l’ex terzino dell’Inter?

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Antonio Conte vita dall’Inter, lui fa un passo indietro: “Ho sposato un progetto”

Intervistato da ‘Sport Mediaset‘, l’avvocato Grassani ha spiegato che le dichiarazioni di Conte potrebbero portare ad un licenziamento immediato e senza penali: “Nel caso di specie, vi sono anche i margini per procedere al licenziamento in tronco per giusta causa, con addebito delle responsabilità al tecnico di Lecce”. Insomma Suning ha il coltello dalla parte del manico e qualora volesse procedere con il licenziamento non sarebbe nemmeno costretta a versare la restante parte del compenso previsto dal contratto triennale.

Intanto l’allenatore interista ha fatto un passo indietro dopo la partita di Europa League di ieri sera. Intervistato da ‘Ansa‘ sul possibile addio, infatti, Conte ha dichiarato: ” Ho sposato un progetto triennale con l’Inter e come ho sempre fatto nella mia vita lavorerò duramente e mi batterò con tutte le mie forze e con tutto quello che è nelle mie possibilità affinché sia un progetto vincente”.