Padre disperato: “Il video malato dell’omicidio di mia figlia è ancora sul web”

La battaglia di Andy Parker continua. L’uomo chiede a gran voce una legge che renda illegale la pubblicazione di clip raffiguranti omicidi sul web.

Il papà Andy Parker chiede a gran voce nuove leggi che rendano illegale la pubblicazione sul web di video che mostrano degli omicidi. La sua battaglia è nata dopo che sua figlia, la giornalista televisiva Alison Parker, è stata uccisa durante una trasmissione nel lontano 2015.

Leggi anche->Omicidio-suicidio a Portici: accoltella la compagna e si getta dal balcone

Un padre, la cui figlia è stata assassinata in diretta televisiva, ha espresso la propria rabbia sulle piattaforme online Facebook e YouTube. I filmati della morte di Alison, a distanza di 5 lunghi anni, vengono ancora pubblicati sul web. L’uomo, affranto, ha dichiarato che Google gli avrebbe comunicato di dover guardare i video traumatici e denunciarli direttamente, per poterne ottenere la rimozione.

Leggi anche->Villata, omicidio suicidio: uomo e donna morti in casa

Il signor Parker, un attivista per la riforma delle armi, sostiene che la pubblicazione di filmati ritraenti omicidi malati dovrebbe a tutti gli effetti essere illegale. Sua figlia, la giornalista Alison Parker, è morta mentre conduceva una trasmissione nell’Agosto del 2015 in Virginia, e le clip che immortalano il momento della sua morte sembrerebbero ancora in circolazione.

Leggi anche->Omicidio Annamaria Sorrentino, clamorosa svolta: un video incastra il marito

Di fronte alla continua pubblicazione degli scioccanti filmati che raffigurano l’omicidio della figlia, papà Parker si è messo in azione per garantirne la rimozione. I suoi sforzi si sono però rivelati vani. L’uomo ha contattato sia Facebook che Youtube tramite la CNN, ed entrambe le compagnie hanno risposto che avrebbero immediatamente provveduto. A distanza di cinque anni però, i filmati della sparatoria che hanno visto come vittima Alison Parker continuano ad essere pubblicati.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Le parole di Andy Parker: “Volevano che guardassi l’omicidio di mia figlia”

Andy Parker ha denunciato pubblicamente i siti che continuano a permettere la pubblicazione dell’omicidio di sua figlia. “Non hanno fatto abbastanza”, ha dichiarato. Inoltre l’uomo ha raccontato che, a quanto pare, Google sembrerebbe avergli comunicato di dover guardare i video e segnalarli di persona per permetterne la rimozione.  “Volevano che guardassi l’omicidio di mia figlia e che spiegassi perché doveva essere rimosso”, ha detto. “Non l’ho mai fatto e non guarderò mai nessuno di quei video”.