Franca Valeri, la confessione: “Sapevo di essere tradita e non m’importava”

Nel corso della sua lunga vita Franca Valeri è stata vittima di tanti tradimenti: ecco come ha gestito queste situazioni. 

franca valeri

Franca Valeri è stata sempre un passo avanti, nella vita professionale come in quella privata e sentimentale. Ha vissuto sulla propria pelle gli epocali cambiamenti dell’Italia reduce dalle due guerre mondiali, anche sul piano dei costumi…

Leggi anche –> Franca Valeri, la confessione sui tradimenti: “La natura è quella…”

Leggi anche –> Franca Valeri, chi è: età, carriera e vita privata dell’attrice 

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

Franca Valeri e il suo rapporto con gli uomini

Due in particolare sono gli uomini  che più di tutti hanno lasciato il segno in Franca Valeri: il marito Vittorio Caprioli, attore e regista conosciuto negli anni ’40, una storia “durata una decina d’anni“, racconta lei, e poi Maurizio Rinaldi, direttore d’orchestra scomparso nel 1995, che ricorda come “un vero, grande traditore“.

Il punto è che la grande attrice ha sempre avuto un atteggiamento “distaccato” verso il tradimento, considerandolo in quale modo connaturato all’essere umano (maschile), o almeno non condannabile aprioristicamente, e sicuramente accettabile in ragione di ben più nobili sentimenti. In un’intervista concessa a Repubblica nel 2017 Franca Valeri ha raccontato i suoi uomini e le loro infedeltà, confessate e non.

“Uno è mio marito, Vittorio Caprioli – ha detto –. Uomo molto attratto dalle donne. Amava piacere e ci riusciva con la sua simpatia e qualche bassezza, tipo la chitarra e le canzoni napoletane raffinate, alla Murolo. Comunque era molto attaccato al nostro rapporto. Il mio guaio con gli uomini è stato sempre quello di rendermi indispensabile. Una specie di roccia, un sostegno nella vita e nel lavoro. Intanto loro facevano un po’ quello che volevano. Non ho mai fatto scenate né sventolato valigie. Con Vittorio è durata una decina d’anni”.

“Poi – ha aggiunto Franca Valeri -, per trent’anni sono stata con un vero, grande traditore. I direttori d’orchestra sono così: pericolosissimi. Magnetici poli d’attrazione. Consideri che lui aveva quattordici anni meno di me: tanti. Impossibile ignorare, anche perché raccontava. La sua memoria delle donne ripassate era topografica…”. Ma “quando si ama qualcuno è più affascinante possederlo con i gesti della vita che con quelli del sesso. Lui faceva sempre un bagno caldo prima di dirigere. Mentre lo insaponavo vedevo dalle sue labbra che ripassava la partitura. Poi uno scatto: ‘Basta. Mica so’ sporco’. Che una stesse nel suo letto mezz’ora prima d’incontrarlo non mi faceva piacere, ma se gli avesse lavato i capelli l’avrei uccisa…”.

Leggi anche –> Franca Valeri, chi è la figlia soprano Stefania Bonfadelli: vita e foto

Leggi anche –> Franca Valeri, la storia d’amore col direttore d’orchestra Maurizio Rinaldi: tutta la verità 

EDS