Denise Pipitone, ricostruzione fotografica: come sarebbe oggi

La Procura di Marsala ha diffuso una ricostruzione fotografica di Denise Pipitone che permette di vedere quale sarebbe l’aspetto della ragazza oggi.

Sono passati quasi 16 anni da quel giorno di settembre in cui Denise Pipitone, allora bimba di appena 4 anni, scomparve mentre giocava sotto casa a Mazzara del Vallo. I pm di Marsala non hanno mai abbandonato la speranza di poter ritrovare la piccola o di scoprire cosa le sia successo, nemmeno quando il processo ai danni di Jessica Pulizzi si è concluso con l’assoluzione.

Leggi anche ->Denise Pipitone | la madre | “In Italia incapaci di gestire questi casi”

Proprio su richiesta dei pm, gli esperti del Ris hanno elaborato un’immagine di Denise che permette di vedere quale sarebbe il suo aspetto al giorno d’oggi. La ricostruzione fotografica parte dalle immagini d’infanzia e cerca di simulare i cambiamenti che il volto di Denise potrebbe aver avuto con il passare del tempo. Oggi la ragazza di Mazzara del Vallo avrebbe 20 anni.

Leggi anche ->Denise Pipitone, la mamma Piera: “Buon compleanno ovunque tu sia”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Denise Pipitone: la storia processuale e le nuove indagini

In seguito alla scomparsa di Denise, i sospetti degli inquirenti si sono concentrati soprattutto sulla sorellastra Jessica Pulizi. La ragazza, minorenne all’epoca della scomparsa della bambina, è stata accusata e processata. Tuttavia non sono state trovate mai delle prove incriminanti e nel 2017 il procedimento a suo carico si è concluso con l’assoluzione in tutti i gradi di giudizio. Gli inquirenti avevano accusato di falsa testimonianza anche il fidanzato di Jessica, Gaspare Calheb, ma le accuse a suo carico sono andate in prescrizione durante il processo.

Verso la fine del 2017 la Procura di Marsala ha aperto una nuova indagine sul caso. Su input dei legali della madre, gli investigatori hanno esaminato delle tracce di dna ed impronte digitali dal luogo in cui è scomparsa. Tuttavia al momento non c’è ancora una pista concreta su chi possa essere stato a rapirla. La ricostruzione fotografica dovrebbe servire per rintracciare la giovane ed ottenere, grazie a nuove segnalazioni, una pista su cui concentrarsi.