Coronavirus, via alla sperimentazione in Italia del vaccino ReiThera

L’Agenzia Italiana del Farmaco ha autorizzato la sperimentazione del vaccino anti-Coronavirus prodotto dall’azienda bio-tecnologica italiana ReiThera.

vaccino Coronavirus

C’è una nuova speranza nella lotta al Coronavirus, e risponde al nome di ReiThera, cioè l’azienda bio-tecnologica italiana produttrice di un vaccino anti-Covid di cui l’Agenzia Italiana del Farmaco ha appena autorizzato la sperimentazione.

Si tratta più nello specifico di uno studio di Fase 1 che è già stato valutato positivamente dall’Istituto Superiore di Sanità e che prevede il coinvolgimento di 90 volontari sani adulti e anziani, allo scopo di valutare la sicurezza e l’immunogenicità del vaccino GRAd-COV2.

Leggi anche –> Vaccino Coronavirus | dagli USA | ‘Pronto entro ottobre’ 

Leggi anche –> Stati Uniti, hackers cinesi rubano informazioni sul vaccino Covid-19

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

L’ok al progetto di sviluppo del vaccino ReiThera

Lo studio in questione ha ottenuto anche il parere favorevole del Comitato etico dell’INIMI Spallanzani. Il vaccino GRAd-COV2 è basato su un vettore adenovirale e rivolto contro il Coronavirus 2 responsabile della sindrome respiratoria acuta grave (SARS-CoV-2). Finora ha dimostrato di essere sufficientemente sicuro ed immunogenico nei modelli animali.

Come accennato, la sperimentazione prevede l’arruolamento di 90 volontari sani in due coorti sequenziali. La coorte degli adulti comprenderà 45 soggetti sani di età compresa tra 18 e 55 anni, quella degli anziani 45 soggetti sani di età compresa tra 65 e 85 anni. Per entrambe sono previsti tre bracci di trattamento a tre dosi crescenti composti da 15 partecipanti ciascuno, per un totale di 6 gruppi.

La coorte 1 partirà per prima e procederà in maniera sequenziale, previa verifica dei dati di sicurezza ai differenti step. Il progetto di sviluppo del vaccino è sostenuto dal Ministero della Ricerca in collaborazione con il CNR e dalla Regione Lazio, e la sperimentazione sarà condotta presso l’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive “Spallanzani” di Roma e il Centro Ricerche Cliniche Verona.

Leggi anche –> Vaccino Coronavirus, l’appello: “Si inietti insieme al virus”

Leggi anche –> Vaccino Coronavirus, buone notizie da Oxford – VIDEO

EDS