Vacanza horror per una 15enne: stuprata durante una festa in casa

Una 15enne ha denunciato ai carabinieri una violenza sessuale subita al termine di una festa in casa a cui ha partecipato durante le sue vacanze estive.

Tutti i ragazzi quest’anno hanno bisogno di fare una vacanza che gli permetta di dimenticare i mesi di angoscia passati durante il lockdown. Per gli adolescenti, infatti, la clausura in casa è stata probabilmente più difficoltosa che per gli altri. A causa del coronavirus hanno dovuto interrompere l’attività scolastica (sebbene abbiano assistito alle lezioni online) e quindi quel percorso di conoscenza e socializzazione tipico degli anni di liceo. Allo stesso tempo gli è stato impossibile continuare a coltivare le amicizie direttamente, poiché fino a maggio era vietato uscire di casa.

Leggi anche ->Padre uccide figlia | lei era stata stuprata restando incinta

Questa estate post lockdown, dunque, è cominciata con il desiderio di recuperare il tempo perduto e passare delle settimane di puro relax e spensieratezza con gli amici. Proprio queste erano le intenzioni di una 15enne in vacanza a Jesolo, Venezia, con le amiche. Una voglia comprensibile e giusta che però è stata distrutta dalla violenza e dall’egoismo di qualcuno che pensava soltanto ad abusare di lei.

Leggi anche ->Bambina stuprata | 27enne abusa di lei e la picchia a morte | FOTO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

15enne stuprata ad una festa: parente denuncia la violenza ai carabinieri

In pieno spirito vacanziero, la 15enne ha concluso la serata di ieri in un appartamento affittato da un gruppo di adolescenti. I giovani, infatti, avevano organizzato una festa per concludere la serata a base di alcolici. La speranza probabilmente era quella di concludere la nottata con un rapporto sessuale, il problema è che quel desiderio si è tramutato in prevaricazione e violenza. Uno dei giovani, infatti, ha preteso e forzato la 15enne ad avere un rapporto.

Lei, incapace di opporsi, è divenuta vittima dei bassi istinti dell’adolescente e dopo che è riuscita a lasciare l’appartamento ha chiamato un parente per raccontargli cos’era accaduto. Questo ha immediatamente chiamato i carabinieri e denunciato lo stupro. I militari hanno già fermato un sospetto di 17 anni e stanno indagando sulla vicenda, sulla quale per il momento rimane il più stretto riserbo.