Scandalo Pietro Maso: uccise i genitori e ha preso il reddito di cittadinanza

Pietro Maso, noto alle cronache per aver ucciso i suoi genitori per l’eredità, percepiva il reddito di cittadinanza anche se interdetto dai pubblici uffici. 

Pietro Maso

Secondo il settimanale Oggi Pietro Maso, che trent’anni fa aveva lasciato l’Italia intera sotto choc per aver ucciso a colpi di spranga, con l’aiuto di due amici, i suoi genitori per ottenerne l’eredità, ha percepito il reddito di cittadinanza. E ovviamente è subito polemica.

Leggi anche –> Pietro Maso massacrò i genitori a sprangate, ora fa il cameriere in Spagna 

Leggi anche –> Pietro Maso, il killer dei suoi stessi genitori descrive come e perché lo fece

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Lo strano caso di Pietro Maso

Correva l’anno 1991 quando Pietro Maso massacrò sua madre e suo padre con una brutale aggressione per meri interessi economici. Dopo aver saldato i conti con la giustizia, l’uomo ha a quanto pare ricevuto il reddito di cittadinanza, ovvero il sussidio riservato dallo Stato a chi guadagna meno di 9.360 euro l’anno.

La notizia, come accennato, è stata diffusa dal settimanale Oggi nel nuovo numero in edicola domani. La lista in cui compare il nome di Pietro Maso risalirebbe alla fine del 2019. A detta del suo legale, Marco De Giorgio, se il reddito di cittadinanza fosse stato concesso, stando ai termini di legge, dovrebbe essere stato sospeso nei mesi corsi: a causa della gravità del reato da lui commesso, infatti, Maso è interdetto “in perpetuo” dai pubblici uffici.

Leggi anche –> Ndrangheta, 101 boss e affiliati col reddito di cittadinanza 

Leggi anche –> Reddito di Cittadinanza | boss della mala ottiene migliaia di euro | FOTO 

EDS