Morta la donna che uccise il marito violento e poi venne graziata

Morta Jacqueline Sauvage, la donna che uccise il marito violento e poi venne graziata dal presidente Hollande: il suo caso è molto noto in Francia.

Quella di Jacqueline Sauvage è una vicenda che ha colpito molto l’opinione pubblica francese. La donna era stata incarcerata per aver ucciso il marito violento, poi graziata dopo alcuni anni di reclusione dal presidente Hollande.

Leggi anche –> Tragico incidente: morta una giovane campionessa d’atletica

Venne condannata a 10 anni di prigione per omicidio nel 2012, ma è stata liberata nel dicembre 2016 in seguito a un atto di clemenza. Oggi la notizia che la donna si è spenta a 72 anni. Aveva sparato tre proiettili nella schiena di suo marito Norbert Marot un giorno dopo che il figlio si era impiccato.

Leggi anche –> Incidente stradale Ragusa | Eliana muore a soli 17 anni

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La vicenda di Jacqueline Sauvage: la donna uccise il marito violento

Al processo erano emersi decenni di soprusi e violenza domestica: per 47 anni la donna aveva subito il marito. Le sue tre figlie hanno testimoniato contro il padre, dicendo che anche loro sono state picchiate e violentate. Sylvie, una delle sue figlie, ha spiegato oggi che nella giornata di ieri si è svolto il funerale. La donna sarebbe morta lo scorso 23 luglio a La Selle-sur-le-Bied nel dipartimento del Loiret, a sud di Parigi.

“Sono estremamente triste e scioccato”, ha dichiarato Nathalie Tomasini, avvocato della Sauvage. Quindi ha aggiunto: “Jacqueline Sauvage, attraverso la sua storia e il suo caso, ha contribuito a sensibilizzare sull’esistenza di donne che erano state maltrattate per anni a porte chiuse all’interno della famiglia, nel silenzio della società”. Dopo l’arresto della donna, vennero raccolte centinaia di migliaia di firme e Hollande concesse la grazia, perché “riteneva che il posto di Sauvage non fosse più in prigione ma con la sua famiglia”.