Il Papa telefona alla mamma di un ragazzo morto in incidente: ecco perché

Il Papa ha telefonato alla mamma di un ragazzo morto in un terribile incidente stradale: le sue parole “come una carezza”. 

“Signora, sono Francesco”. Così il Papa si è presentato al telefono con Cinzia Desiati, la mamma di Fabrizio Di Bitetto, un ragazzo di Roma (quartiere Garbatella) morto a 21 anni lo scorso 5 ottobre in un incidente stradale all’Eur, quando la Chevrolet Matiz sulla quale viaggiava con 4 amici si ribaltò più volte.

Negli ultimi tempi il Papa ha già fatto più volte simili “sorprese”: a giugno al personale dell’ospedale di Pesaro (“Siete eroi”), a fine aprile ad Andrea, un ragazzo autistico di Caravaggio (“Tu vai avanti, coraggio, eh…”), e a Lorena Bianchetti, conduttrice di A sua immagine su Rai 1. Finora, tuttavia, non si era mai concentrato  su persone comuni travolte da una delle tragedie del nostro tempo: gli incidenti stradali.

Leggi anche –> Papa Francesco, gaffe col ragazzo autistico: “Ci rivedremo all’inferno” – VIDEO

Leggi anche –> A sua immagine, Papa Francesco: “Penso alle persone crocifisse dalla pandemia” 

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Lo straordinario gesto di Papa Francesco

La telefonata, resa pubblica dal quotidiano digitale Interris.it, la dice lunga sullo stile e sulla personalità del Papa venuto “dalla fine del mondo”. La mamma di Fabrizio racconta l’accaduto ancora commossa e quasi incredula: “Sono le 16.20 quando squilla il cellulare domenica pomeriggio. Numero sconosciuto. Erano giorni che ricevevo questa chiamata ma non rispondevo mai in tempo. ”

Incuriosita – prosegue Cinzia Desiati – rispondo subito e dall’altra parte una voce molto dolce mi dice ‘Pronto è la signora Cinzia? Sono Papa Francesco’. Ero emozionatissima, mi sono sentita come una bambina spaesata. La per là ho pensato fosse uno scherzo, gliel’ho detto e lui mi ha tranquillizzata dicendo ‘tutti quanti pensano sia uno scherzo quando chiamo’, ma la voce era la sua”.

“Non sono stati mesi facili – ha confessato a madre – finché a inizio luglio ho preso coraggio e scritto una lettera al Papa. In quel fiume di parole gli ho raccontato chi era Fabrizio, facendo una sintesi della mia situazione familiare. Ho allegato anche una foto di mio figlio e concluso dicendo che il mio desiderio era incontrarlo. Ovviamente ho inserito numero di telefono, mail e indirizzo, e lui ha scelto il mezzo più caldo per raggiungermi».

Cosa le ha detto Francesco: “Io ho qui davanti la foto di Fabrizio, mi ha detto il Santo Padre, e a quel punto mi sono tranquillizzata – spiega mamma Cinzia -. ‘Come sta?’, ha aggiunto. ‘E come sta suo marito?’ Abbiamo parlato di Fabrizio e mi ha detto che queste disgrazie non dovrebbero accadere”. E ancora: ‘Gli ho raccontato di come questo avvenimento avesse stravolto la vita di tutti noi e confidato che mio marito aveva perso la fede. Lui mi ha rincuorata dicendo ‘Lo capisco. E’ normale che succeda’. Con le parole di un padre, mi ha ripetuto più volte che comprendeva l’atteggiamento di mio marito senza condannarlo, anzi lo ha compreso giustificando il suo atteggiamento dovuto al forte dolore provato”.

“Papa Francesco mi ha dato gioia. Parlare con lui è stata una carezza, come se me l’avesse fatta Fabrizio – ha concluso la signora -. Ho provato una sensazione bellissima, mi ha fatto tornare un sorriso sulle labbra che non provavo dal 4 ottobre”. E il fatto che domenica scorsa ricorreva Sant’Anna per Cinzia potrebbe non essere una coincidenza. “Lei è la protettrice di tutte le mamme e al mattino avevo ricevuto una foto dove c’era scritto ’26 luglio, festa di Sant’Anna. Proteggi tutte le mamme e dà loro la forza di non arrendersi’. Nel pomeriggio ricevo la telefonata e non penso sia stato casuale. È stato Fabrizio a farmi ricevere questa chiamata: è come se lui attraverso il Papa avesse voluto dire ‘mamma, devi continuare ad essere forte e non arrenderti’, te lo dice anche il Papa”…

EDS