Attaccati dalle vespe: muore bambino di 5 anni, la nonna è grave

È successo in Asia il drammatico incidente. Un bambino di 5 anni e sua nonna sono stati attaccati da uno sciame di vespe.

Ci troviamo in Cambogia, nella provincia meridionale di Takeo. Un bambino di soli 5 anni ha perso la vita dopo essere stato attaccato da uno sciame di 30 vespe. La nonna sta ancora lottando per la vita in ospedale. Scopriamo insieme che cosa è successo.

Leggi anche->Bambino muore per una rara forma di epilessia causata da un raffreddore

Lo scioccante incidente ha traumatizzato tutti i cari. Una donna di 62 anni ed il suo nipotino piccolo sono stati attaccati dagli insetti mentre erano intenti a tagliare le fronde di una palma per costruire un pollaio ed hanno accidentalmente colpito un nido.

Leggi anche->Incidente Trentino | muore bambino di 11 anni | 4 feriti

Chen Oerun, è questo il nome della nonna, sta momentaneamente lottando per la propria vita in ospedale mentre il nipote, Morn Kakakda, purtroppo non ce l’ha fatta. Lo sciame si è scagliato contro i due con violenza, e per il piccolo non c’è stato più niente da fare, nonostante tutti i tentativi da parte di Chen di portarlo in salvo all’interno della propria abitazione.

Leggi anche->Catanzaro, bambino gioca sotto casa: malore improvviso e muore

Alcune immagini mostrano l’angosciante corpo senza vita del bambino martoriato dalle punture degli insetti. Il ragazzo è morto in casa poco dopo l’attacco fatale. I bubboni hanno ricoperto viso, collo, e petto di entrambi, rendendo quasi impossibile la sopravvivenza. Dopo l’incidente, il tenente colonnello Chuon Samang, portavoce della Polizia, ha ricordato ai cittadini di rivolgersi immediatamente ad un medico in caso di aggressione da parte delle vespe, dal momento in cui la puntura potrebbe alle volte rivelarsi fatale.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Nonna e nipote attaccati da uno sciame di vespe: il racconto dei testimoni

Arriva anche il racconto da parte del portavoce della polizia, il tenente colonnello Chuon Samang. Secondo le dichiarazioni di quest’ultimo, un vicino di casa, il cui nome è a noi sconosciuto, ha assistito all’incidente, lasciando alcune testimonianze. “Mentre tagliava le foglie, Oeurn ha accidentalmente colpito un grande nido di vespe appeso all’albero. Circa 30 vespe arrabbiate hanno attaccato immediatamente i due, infliggendo loro innumerevoli punture sul viso, sul collo e sul petto”, ha detto. Poi ha continuato: “Durante l’attacco, Oeurn ha cercato di salvare suo nipote portandolo verso la loro casa”. Tutti i tentativi da parte della nonna sono però stati vani. “Il ragazzo è morto nell’abitazione poco dopo”.