Carabinieri Piacenza | il loro leader aveva villa ed auto di lusso

Vicenda carabinieri Piacenza, emergono altri dettagli su quanto di osceno commesso dai rappresentanti dell’Arma. Il capo della banda si vantava sui social.

Carabinieri Piacenza
Arresti carabinieri Piacenza Foto dal web

La vicenda dei carabinieri a Piacenza che avevano messo su un giro rilevante di spaccio, estorsione e di altri reati, si arricchisce di ulteriori particolari. I militari corrotti, capeggiati a quanto pare dal 37enne appuntato Giuseppe Montella, avevano un evidente debole per il lusso, secondo quanto si evince.

LEGGI ANCHE –> Caserma dei Carabinieri sotto sequestro: arrestati sei militari

Alcuni di loro, con in testa proprio il Montella, erano riusciti ad accaparrarsi beni dal valore e dai costi rilevanti, certamente non compatibili con quelli che erano i loro stipendi. Proprio il capo dei carabinieri di Piacenza infedeli risultava essere, stando a quanto riportato da Tgcom24, intestatario di 23 conti correnti oltre che proprietario di svariati mezzi a due e quattro ruote nel corso degli anni. Tra le sue mani sono passate 16 moto costose ed undici vetture altrettanto potenti, tra le quali una Porsche Cayenne, delle Mercedes e delle BMW. Sui militari che hanno disonorato l’Arma c’era una inchiesta che andava avanti da mesi, e che da febbraio 2020 in poi ha portato gli inquirenti a disporre della bellezza di più di 75mila intercettazioni.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Carabinieri sotto choc: morto suicida il comandante Andrea Apicella

Carabinieri Piacenza, il capo della banda aveva anche una villa da 270mila euro

Gli imputati facevano il bello ed il cattivo tempo nella caserma di Piacenza dal 2017 almeno. Riscontrato lo spaccio di stupefacenti, hashish in particolare, ma pare che la banda trafficasse anche cocaina, come risulta da alcune intercettazioni ambientali. Addirittura Montella avrebbe acquistato anche una costosissima villa da 270mila euro fuori Piacenza, dai proventi illegali di tutto questo. Lui poi era solito vantarsi sui social e rivendicare la sua posizione privilegiata di rappresentante della legge. E dunque al di sopra di ogni sospetto, a suo dire.

LEGGI ANCHE –> Il Capitano Ultimo ha lasciato i Carabinieri: cosa fa ora – VIDEO

“Si sentiva intoccabile”

A chi lo conosceva diceva che nessuno lo avrebbe mai scoperto. E secondo i magistrati che ora stanno seguendo l’accaduto, questo personaggio è dotato di una indole che lo porterebbe facilmente a compiere atti di violenza. Le manette sono scattate anche per la di lui compagna, Maria Luisa Cattaneo. Come l’appuntato, anche per la donna c’è da rispondere di spaccio e di altri reati, con le sue responsabilità confermate anche in questo caso dalle intercettazioni carpite dagli inquirenti. E si parla anche di orge in caserma.

LEGGI ANCHE –> Fidanzatini in fuga | scappano in auto rubata per 20 km ed investono carabiniere