Vincenzo De Luca attacca Azzolina e Salvini: “Ho fatto un voto…”

Il governatore Campano Vincenzo De Luca punzecchia la ministra dell’Istruzione: “Non so che fa… che Dio ce la mandi buona”. E ironizza sul leader leghista. 

Coronavirus Campania

Vincenzo De Luca torna all’attacco. L’apertura delle scuole è “una scadenza delicata” e “non ci dobbiamo distrarre”, ha avvertito il governatore campano intervenendo dal palco a Marina di Camerota (Salerno) durante la presentazione del nuovo depuratore. Per questo “ci stiamo preparando come regione Campania a fare 180mila tamponi a tutto il personale scolastico. Non so che farà il ministero della Pubblica istruzione…che Dio ce la mandi buona”.

Con l’occasione, De Luca è tornato a parlare di come la Regione ha affrontato l’epidemia: “Ho provato a immaginare cosa fosse successo se Codogno fosse stato in Campania, ci avrebbero messo in croce per altri 50 anni. E invece no, diversamente da quello che si aspettavano la nostra è la Regione che ha retto meglio”.

Leggi anche –> De Luca attacca Salvini: “Un somaro geneticamente puro”. La replica del leghista

Leggi anche –> Coppa Italia, festa a Napoli senza mascherine. Salvini: “Dov’è De Luca”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Fase 2 Campania

La nuova “sfuriata” di Vincenzo De Luca

Durante una visita all’ospedale di Sapri, sempre in provincia di Salerno, Vincenzo De Luca non ha poi mancato di ironizzare su Matteo Salvini, riferendosi alle elezioni regionali del prossimo settembre: “Ho fatto un voto, da qui al 21 sono in training autogeno, mi sono impegnato a non dire niente perfino su Salvini, anche perché gliele ho dette già e rimangono agli atti – ha spiegato -. Ma c’è questo razzismo sotterraneo, questo modo di offendere la dignità…”. “Quando si parla di noi bisogna alzarsi in piedi, questa non è più la Regione delle porcherie clientelari”, ha concluso il governatore.

Leggi anche –> Vincenzo De Luca “massacra” la Juve: il VIDEO spopola sul web

Leggi anche –> Vincenzo De Luca all’attacco: “Vergogna indegna di un Paese civile” 

EDS

Fase 2