Riforma fiscale | ‘Cambiamo le tasse | saranno ‘live’ e più eque’

Da parte del presidente dell’Agenzia delle Entrate giunge la richiesta di una riforma fiscale. “È necessaria per rendere il sistema più sostenibile”.

Riforma fiscale
Agenzia delle Entrate Riforma fiscale Foto dal web

Il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini, parla di riforma fiscale e lo fa riferendosi in particolar modo ai lavoratori autonomi ed ai titolari di partite Iva. Una delle categorie più colpite dalla crisi economica derivata dalla improvvisa epidemia di Coronavirus.

LEGGI ANCHE –> La top model Bar Refaeli condannata per evasione fiscale – VIDEO

In una intervista concessa all’edizione online del Corriere della Sera, Ruffini stesso auspicano una semplificazione di quelle che sono le modalità di pagamento attuali riguardo ad Iva ed Irpef. Nello specifico, il numero uno dell’Agenzia delle Entrate punta a realizzare un fisco per cassa invece di quello effettivo vigente. Questo comporterebbe una precisione ed una equità migliore in merito ai contributi, eliminando anche eventuali ricorsi e pendenze per conguagli e rimborsi. Questa proposta sembrerebbe ben recepita dal Governo, e quindi è lecito aspettarsi una riforma fiscale in futuro. Tra l’altro Ruffini è ben consapevole di come il calendario di pagamenti e scadenze per i circa 4 milioni di autonomi e partite Iva sia spesso soggetto a cambiamenti di anno in anno.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Raoul Bova | le intercettazioni con Palamara sulla evasione fiscale

Riforma fiscale, è richiesta per un sistema più immediato e giusto

“Vogliamo inserire un apparato di liquidazione periodica su base o mensile o trimestrale delle imposte sui redditi. Un qualcosa che tenga conto di guadagni e spese effettive. In tal modo aggireremmo il sistema di acconti e saldi odierno, il quale risulta per molti ansiogeno in vista dei pagamenti da sostenere. Gli autonomi hanno l’assillo di non sapere come sarà il loro andamento lavorativo, anno dopo anno”. Non ci dovrebbe volere molto per attuare questa riforma. L’idea sarebbe quella di coinvolgere gli autonomi suddividendoli per categorie (piccole imprese, partite Iva forfettarie e così via) procedendo a gradi con ognuna di esse con i cambiamenti inseriti nella riforma fiscale.

Anche la lotta all’evasione è una priorità

In tutto ciò risulterà fondamentale consolidare e migliorare l’apparato informatico, che deve rendere immediate le operazioni richieste. “Fatturazione elettronica ed evidenza telematica dell’incasso rappresentano un altro nostro obiettivo”. Per quello che dovrà diventare un fisco in tempo reale, immediato e preciso. Fermo restando che un altro degli obiettivi fondamentali del Governo, e quindi anche dell’Agenzia delle Entrate, è contrastare l’evasione. Meno evasione fiscale gioverebbe soprattutto al ceto cosiddetto medio. Ma questa è una battaglia da sempre difficile”.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus: rinvii fiscali, aiuti economici e aggiornamenti su fine anno scolastico