Iva Zanicchi choc: “Io razzista? La mia colf è nera”

Nel salotto di Io e Te, a colloquio con Pierluigi Diaco, Iva Zanicchi ha suscitato un polverone: ecco cos’ha risposto a chi l’accusa di razzismo. 

La lunga e brillante carriera nel mondo dello spettacolo, dagli esordi da giovanissima ai successi in tv, le passioni (militanza politica compresa) e gli amori, ma anche e soprattutto polemica scoppiata nelle scorse settimane per alcune sue affermazioni sui migranti. Di tutto questo ha parlato oggi Iva Zanicchi, ospite di Pierluigi Diaco nel salotto di Io e Te. “Non è vero che sono razzista, la mia collaboratrice è nera”, ha scandito l’Aquila di Ligonchio nello studio di Rai 1. Apriti cielo.

Leggi anche –> Disastro in casa di Iva Zanicchi, lei disperata: “Chiamo i pompieri”

Leggi anche –> Iva Zanicchi, tutta la verità: “Quella volta che la feci in diretta tv”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Iva Zanicchi confessione

Iva Zanicchi al centro di un nuovo “caso”

“Non le ripeterò – ha spiegato Iva Zanicchi – ma mi fa incazz*** essere etichettata come fascista o razzista. Non appartengo a nessuno, appartengo solo a me stessa. Non sono razzista, la ragazza che collabora con me è nera. Anche quattro operai che lavorano in casa. Quando ero giovane, volevo essere nera per cantare il soul. Se non ti allei a un certo pensiero, sei fuori dal giro”.

Su Twitter (e non solo), però, sono subito piovuti commenti di più o meno duro dissenso. “Essere razzisti non è un’opinione” si legge in uno di questi. E ancora: “‘La ragazza di colore che lavora con me’ alias la colf non vuol dire non essere razzisti”. La cantante, comunque, ha preferito troncarla lì, passando all’argomento Sanremo: “Gli scorsi anni volevo tanto andare e sono rimasta male per non essere stata convocata. Se adesso Amadeus me lo chiedesse direi di no, non ho la canzone”. Caso chiuso?

Leggi anche –> Iva Zanicchi, chiarisce la vicenda su Chiambretti e il Coronavirus 

EDS