Coronavirus, la furia di Zangrillo: “Non ce la faccio più”

Il primario del San Raffaele di Milano, Alberto Zangrillo, ha rilasciato alcune dichiarazioni durante il programma di La7 In Onda: la sua furia

Zangrillo

Il Coronavirus non si ferma in Italia, ma durante il programma In Onda su La7 è tornato a parlare il primario del San Raffaele di Milano, Alberto Zangrillo, che ha rilasciato alcune dichiarazioni provocatorie: “Da sempre sto sempre dicendo quello che osservo e non ce la faccio più. È evidente quello che accade. Se oggi in Lombardia abbiamo un morto dichiarato per Covid, vuol dire che non sta succedendo nulla. Punto. Poi possiamo raccontare tutte le favole che volete”.

Leggi anche–> Coronavirus mondo | si arrampica alla finestra in ospedale per la mamma

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, bufera sui migranti positivi in Basilicata: “Italia in pericolo”

Coronavirus, l’attacco di Zangrillo

Da ormai diverse settimane Zangrillo afferma che dal punto di vista clinico il virus non esiste più. E così ha continuato a svelato durante il programma di La7 il suo punto di vista: “Io non faccio parte del Comitato Tecnico Scientifico, ma mi aspetto che quest’ultimo dica la verità agli italiani. Bisogna dire le cose come stanno: uscite tranquillamente, riprendete a vivere, andate al ristorante, andate in banca, andate in vacanza”. Infine, ha rivelato: “Soltanto se state in un luogo o locale chiuso, indossate la mascherina, ma continuate a vivere più di prima. Altrimenti la società non parte e Conte tra due anni, se c’è ancora, dovrà chiederne 800 di miliardi”.