La giornalista Nina Kapur morta dopo un incidente in motorino

A soli 26 anni, Nina Kapur  – giovane giornalista e reporter- è morta dopo un incidente in motorino: la dinamica dell’accaduto.

Nina Kapur, una giornalista di 26 anni a New York City, è morta dopo essere caduta da un ciclomotore che era stato noleggiato da Revel, un popolare servizio di condivisione di ciclomotori. La notizia è stata diffusa da CBS New York, una consociata della CNN.

Leggi anche –> Infarto improvviso a 52 anni, Alessandra è morta in ospedale

La giovane reporter si trovava sul motorino noleggiato insieme a un suo coetaneo, che era alla guida del mezzo, quando questi “sterzò per una ragione sconosciuta” perdendone il controllo. L’incidente è avvenuto a Greenpoint, Brooklyn.

Leggi anche –> Beppe Grillo nel mirino per l’incidente mortale del 1981: “Ora basta”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il dramma di Nina Kapur: cosa è accaduto

Il conducente del mezzo a due ruote ha subito ferite lievi, mentre la Kapur è stata trasportata in un vicino ospedale, dove è stata dichiarata morta. Come con i noleggi di scooter elettrici che sono spuntati in tutta la nazione, le persone possono usare un ciclomotore Revel semplicemente scaricando un’app e sbloccando il mezzo a un dollaro.

Sono attualmente disponibili a New York, Austin, Texas, Miami, Oakland, California e Washington D.C. Chiunque abbia più di 21 anni e con una licenza valida può guidarne uno. I caschi, sanificati in base alle norme anti Covid, sono lasciati in dotazione dall’azienda. Ma nel caso specifico di questo incidente, nessuno dei due indossava il casco.