René Ferretti: il personaggio di Pannofino, realtà o finzione

Chi è il personaggio di René Ferretti, interpretato da Francesco Pannofino nella serie di successo ‘Boris’: realtà o finzione, a chi si ispira.

(screenshot video)

Sicuramente Boris è una delle serie televisive più amate dal pubblico italiano più giovane: trasmessa per la prima volta nel 2007, ancora oggi ha un incredibile fascino. Basti pensare che il suo ‘ritorno’ su Netflix è stato salutato da vecchi e nuovi fan, i quali si può dire che ormai parlino come i protagonisti della serie.

Leggi anche –> Chi è Francesco Pannofino: età, carriera, vita privata del doppiatore e attore

Uno dei più amati è sicuramente René Ferretti, interpretato da Francesco Pannofino. Il regista della serie ‘Gli occhi del cuore’, infatti, ha saputo davvero catalizzare l’attenzione sul suo personaggio e diverse battute sono diventate dei cult. Il suo ‘Dai dai dai’ ripetuto come un mantra rientra oggi nella quotidianità.

Leggi anche –> Francesco Pannofino in lacrime per il figlio: “Ce la metto tutta…”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Curiosità sul personaggio di René Ferretti

francesco pannofino chi è

Ma il personaggio di René Ferretti, che è puramente di finzione, si ispira a un personaggio reale? Probabilmente no, ma nello stesso tempo, con la sua ironia, porta all’estremo vizi e virtù dei registi di fiction – e non solo – del nostro Paese. In modo netto, dal suo personaggio emerge la necessità di arrivare a un compromesso per non cadere nel dimenticatoio, anche a costo di risultare ridicolo. Misogino e talvolta qualunquista, l’obiettivo del regista è esclusivamente quello di portare a casa le scene.

Personaggio stereotipato, il René Ferretti di Boris prova a ribellarsi allo stato delle cose, ma non troppo, gira una fiction televisiva della quale non conosce la trama e ha una grandissima passione per i pesciolini rossi, a cui dà il nome di tennisti famosi. Il suo preferito è ovviamente Boris, il pesciolino rosso che dà il nome alla serie e che si ispira al leggendario Boris Becker. Pannofino, in una recente intervista al Corriere della Sera, ha detto la sua sul successo ancora oggi della serie: “Raccontava cose vere e non diverse da quelle di oggi. E certe dinamiche e gerarchie sono esperienze comuni in cui tutti possono riconoscersi”.