Coronavirus, Ricciardi avverte: “Bisogna aumentare controlli e sanzioni”

Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute per l’emergenza Coronavirus, avverte che bisogna aumentare i controlli per arrivare impreparati ad ottobre.

I dati forniti dalla Protezione Civile sull’emergenza Coronavirus sono incoraggianti. In Italia ieri sono stati registrati solamente 218 nuovi casi di contagio ed il numero dei decessi si è abbassato a 3. Continua dunque ad abbassarsi il numero di nuovi soggetti a rischio, ma soprattutto quello dei decessi. Tuttavia gli esperti che hanno gestito l’emergenza continuano a tenere alta l’attenzione della cittadinanza.

Leggi anche ->Coronavirus, l’esperto Locatelli ai giovani: “Divertitevi senza esagerare”

Il virus, infatti, continua a circolare, specialmente fuori dall’Italia, dove si registrano ancora numerosi casi e purtroppo numerosi decessi. Per questo, in una recente intervista concessa a ‘La Stampa’, l’esperto Walter Ricciardi ha richiamato l’attenzione delle autorità ad un maggiore controllo: “Servono più controlli, ma soprattutto applicare sul serio le sanzioni. Purtroppo vedo che le multe sono lo zero virgola qualcosa rispetto al numero delle persone fermate. Così non va”.

Leggi anche ->Coronavirus, famiglia positiva va a feste e aperitivi: contagiate 40 persone

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Ricciardi: “Rischio zona rossa in luoghi di villeggiatura”

Secondo il consulente del ministro della Salute, il rischio è che si verifichi una situazione simile a quella della Catalogna o d’Israele e che il possibile focolaio diventi ingestibile. Continuando il suo ragionamento Ricciardi aggiunge: “Potrebbe capitare  di dover creare delle zone rosse anche in luoghi di villeggiatura dove si finirebbe per restare intrappolati. Per questo meglio darsi tutti una regolata”.

Inoltre l’esperto ricorda a tutti che il rischio di una nuova ondata in autunno non è stato ancora scongiurato e non lo sarà finché non arriveremo in quel periodo dell’anno. Governo, strutture sanitarie e cittadini, dunque, devono tenersi pronti per questa eventualità: “Bisogna fare di tutto per non arrivare impreparati alla battaglia di ottobre, quando il virus potrebbe rialzare la testa”.