Alice muore a 27 anni per aver bevuto alcolici a stomaco vuoto: chetoacidosi alcolica

Alice Burton Bradford è morta in seguito ad una rara complicazione. Scopriamo insieme che cosa è successo alla ragazza di 27 anni.

Alice Burton Bradford, una donna di appena 27 anni, proveniente da Brighton è morta per una rara complicazione causata dal bere alcolici a stomaco vuoto. La ragazza è stata descritta da un amico come ‘super in forma’.

Leggi anche->Ragazza muore a 26 anni di Coronavirus: aveva fatto da poco il compleanno

Alice era una ciclista e corritrice, appassionata allo sport ed alla attività fisica. È deceduta improvvisamente nel giardino di casa sua, senza avere nemmeno il tempo di raggiungere l’ospedale. Scopriamo insieme tutti i dettagli inerenti alla terribile vicenda.

Leggi anche->Ragazza muore per un tumore, la denuncia: “Non l’hanno voluta curare”

I suoi amici hanno dichiarato che si è trattato di chetoacidosi alcolica, una rara complicazione fisica la quale colpisce tipicamente i consumatori abituali di alcol. Tale condizione, può però essere talvolta scatenata dal semplice bere a stomaco vuoto.

Leggi anche->Maltempo Roma, ragazza muore sollevata con l’auto da tromba d’aria – VIDEO

Aaron Mulvay, un uomo di 30 anni, amico storico di Alice, ha raccontato: “È stato certamente uno shock orribile. Nessuno se lo sarebbe aspettato.” Poi ha continuato: “Non avevo mai sentito parlare di chetoacidosi alcolica prima della sua morte”. Il ragazzo racconta anche un dettaglio inerente al giorno del decesso: “Non siamo sicuri di quanto avesse bevuto quel fine settimana, ma lei non era una dipendente da alcolici.”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Alice Bradford: le parole degli amici dopo il decesso per chetoacidosi alcolica

Alice, una 27enne piena di vita, è deceduta a Brighton nel giardino della propria abitazione a causa di una chetoacidosi alcolica. “È stato così improvviso, non è nemmeno riuscita ad andare in ospedale, è uscita nel suo giardino ed era morta lì” ha raccontato il suo caro amico Aaron Mulvay. Poi ha aggiunto: “Alice amava uscire, era anche una fanatica del fitness. […] Durante l’isolamento portava sempre il cane a spasso in spiaggia e correva tutti i giorni.” Aaron ha anche dichiarato l’intenzione da parte del suo gruppo di amici di far ergere un monumento commemorativo in onore della ragazza. “Vorremmo che fosse posto sulle scogliere dove Alice portava a spasso il cane o in un bel parco.”