Positivi Covid vs negativi | fermata la partita di calcetto | una denuncia

Aveva organizzato una partita positivi Covid contro negativi. Lui si è giustificato con le forze dell’ordine ma è un recidivo. Aveva fatto altro a giugno.

Positivi Covid calcetto
Partita positivi Covid vs negativi Foto dal web

Di stramberie in periodo di contagio ne abbiamo sentita, ma quella in questione si piazza certamente sul podio tra le tante accadute negli ultimi mesi. Si tratta di una partita di calcetto che avrebbe dovuto contrapporre i negativi contro i positivi Covid.

LEGGI ANCHE –> Muore in paracadute | una ragazzina festeggiava la fine della scuola

La vicenda arriva dalla Spagna e più precisamente dalla città di Pamplona. L’organizzatore del controverso evento è un giovane di 23 anni, prontamente individuato e denunciato nonostante lui stesso abbia affermato di essere mosso da un nobile intento. Infatti il match 5 contro 5 sul campo di calcetto tra i non infetti ed i positivi Covid aveva come intento quello di raccogliere fondi per fornire un sostegno a coloro che, nella comunità locale, erano stati colpiti dal virus. La Guardia Civil spagnola ha individuato l’organizzatore dopo una rapida scandagliata su Instagram. Infatti l’evento era stato proposto da diversi utenti e pagine.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Bambino morto in piscina | la tragedia subito dopo un tuffo

Positivi Covid contro i negativi, partita di calcetto bloccata in tempo dalla polizia.

Tra l’altro i 23enne è anche recidivo, dal momento che nello scorso mese di giugno aveva organizzato un evento capace di richiamare nello stesso luogo alcune centinaia di persone. Cosa ovviamente vietatissima in quanto gli assembramenti rappresentano qualcosa di pericoloso perché favoriscono la diffusione del virus. In tale circostanza il giovane aveva ricevuto una sanzione pecuniaria di ben 3mila euro. E tanto per aggiungere altra carne al fuoco, la partita avrebbe dovuto svolgersi nel quartiere di Mendillori, tra i più colpiti in assoluto a Pamplona durante la pandemia che permane ancora oggi.