Loretta Goggi, il successo di “Maledetta primavera”: com’è nata la canzone

“Maledetta primavera” è una canzone pubblicata molti anni fa a 45 giri che ha regalato enorme popolarità a Loretta Goggi. Ecco la sua storia. 

Il Festival di Sanremo 1981 sarà sempre ricordato (anche) per l’affermazione di una sottovalutata Loretta Goggi. L’allora 30enne cantante, reduce da un periodo difficile, con “Maledetta primavera” giunse al secondo posto e, soprattutto, riscosse un travolgente successo. Alzi la mano chi non si è mai emozionato ascoltando almeno una volta quel brano, scritto da Amerigo Cassella (il testo) e da Gaetano “Totò” Savio (la musica). Ripercorriamo insieme la sua genesi.

Leggi anche –> Chi è Loretta Goggi: età, vita privata e carriera della cantante e imitatrice 

Leggi anche –>  Loretta Goggi, chi era Gianni Brezza, suo marito: vita privata, carriera, morte 

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Loretta Goggi

Il brano che ha reso immortale Loretta Goggi

“Un minuto dopo l’annuncio, avevo le lenti a contatto che mi scivolavano sulle mani e mi colava tutto il rimmel, non ci pensavo proprio – ha raccontato tempo fa Loretta Goggi ricordando la premiazione sul palco dell’Ariston nel 1981 -. Ma d’altra parte… la ‘sorpresa’ Loretta viene premiata, e vuoi non piangere?…”. La vera sorpresa fu però l’entusiasmo del pubblico: la Goggi, che fino ad allora era stata in hit-parade grazie a dieci anni di sigle televisive (da “Taratapunzi-e” a “Molla tutto”, passando per “Cicciottella” a “L’aria del sabato sera”), balzò per la prima volta in testa alle classifiche e ci restò per cinque settimane consecutive. Non a caso la canzone è diventata un classico del pop italiano. Alla fine dell’anno il disco della Goggi risultò l’ottavo singolo più venduto del 1981, diventando il maggior successo della cantante.

“E dire che non ho fatto nessuna promozione: non ho avuto il tempo materiale di pubblicizzare il disco”, ha ricordato la stessa Goggi. “I commenti sono stati: ma allora canta, e anche bene. Quando facevo le imitazioni in televisione la gente era convinta che ci fosse qualche trucco, qualche effetto speciale”. Per la sua carriera di cantante, tuttavia,  “Maledetta primavera” si rivelò un punto d’arrivo anziché di partenza. “Sarebbe stato facile continuare sull’onda di quella canzone, ma io riesco a dare il meglio di me facendo tante cose, non una soltanto”, ha ammesso Loretta Goggi.

EDS