Coronavirus, denunciato 24enne positivo: “Andava a feste e aperitivi”

A Bolzano un 24enne positivo al Coronavirus è stato denunciato insieme ai genitori: ecco come ha violato le misure restrittive.

Andava in giro per locali, tra feste e aperitivi, nonostante il 10 luglio scorso fosse risultato positivo al tampone per il Coronavirus. Per questo motivo un 24enne di Badia (Bolzano) è stato denunciato insieme ai suoi genitori.

Molti testimoni, interrogati dai Carabinieri, hanno poi confermato che il giovane, impiegato nel settore del turismo, continuava a lavorare e frequentare persone in barba all’obbligo dell’isolamento imposto dall’Azienda sanitaria a lui e ai suoi familiari.

Leggi anche –> Coronavirus 18 luglio: di nuovo più di 200 contagi, salgono i morti

Leggi anche –> Coronavirus e viaggi all’estero, le regole da seguire

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Quaranta persone in isolamento per colpa di un ragazzo positivo al Coronavirus

Il giorno dopo aver appreso l’esito del test il 24enne ha addirittura partecipato a una festa di laurea, e in molti lo hanno poi visto in diversi locali, la sera, sempre senza mascherina e senza rispettare le norme sul distanziamento. Anche i genitori del giovane, titolari di una falegnameria e di una struttura ricettiva della Val Badia e non positivi al Virus, ma potenzialmente contagiati per via dello stretto contatto, hanno continuato a svolgere le loro normali attività.

Dopo la segnalazione dell’azienda sanitaria, per i tre è scattata una denuncia a piede libero per aver violato l’obbligo di quarantena. Padre, madre e figlio sono stati segnalati alla Procura di Bolzano, con l’ipotesi di reato di epidemia colposa. Tutti i contatti stretti del ragazzo, intanto, sono stati collocati in quarantena: si tratta di circa quaranta persone, tutte della Val Badia.

Leggi anche –> Coronavirus, la curva risale: ecco la situazione in Italia

Leggi anche –> Muore a 26 anni di Coronavirus: l’ospedale le ha negato il test

EDS