Famiglia massacrata | uccise moglie e figlie | in carcere ha le loro foto

Ha tappezzato la sua celle di immagini della moglie e delle figliolette che lui stesso uccise. Altro dettaglio nella vicenda della famiglia massacrata nel 2018 da Chris Watts.

famiglia massacrata
Chris Watts omicida famiglia massacrata Foto dal web

Chris Watts, responsabile dello sterminio di tutta la sua famiglia massacrata nel 2018 con inaudita ferocia, conserva in carcere con sé le foto della moglie e delle sue figliolette. L’uomo, 34 anni, ha ricevuto negli scorsi mesi una condanna all’ergastolo per avere strangolato la moglie incinta Shanann, sua coetanea, e le figliolette Bella e Celeste, di rispettivamente 4 e 3 anni.

LEGGI ANCHE –> Famiglia uccisa, le sue lettere dal carcere sono atroci: “Mi ha guardato mentre moriva”

Il tremendo delitto avvenne ad agosto del 2018 a Frererick, località statunitense in Colorado. Ora Chris Watts è detenuto in un carcere di massima sicurezza nel Wisconsin e dispone soltanto di un’ora al giorno di aria. Sulla vicenda un giornalista ha scritto un libro di prossima uscita. Sarà disponibile nei paesi anglofoni dal 21 luglio 2020 e riporterà anche le impressioni della madre dell’omicida, Cindy Watts. Proprio quest’ultima ha confermato che il figlio ha tappezzato di foto ed immagini della famiglia massacrata da lui stesso le pareti della sua cella. Tra l’altro Watts aveva anche una amante, alla quale aveva promesso di lasciare la moglie incinta.

LEGGI ANCHE –> Famiglia uccisa, uomo strangola moglie incinta e le loro figlie

Famiglia massacrata, come avvenne l’atroce delitto

Ora l’uomo parla da solo ogni notte, rivolgendosi in realtà alla donna ed alle figliolette che ha ucciso. E ha inviato ai suoi genitori le lettere che ha scritto sulla tomba delle due bambine. La madre dell’assassino riferisce di parole molto belle e toccanti. “Ma in realtà non ho mai conosciuto mio figlio perché non ha mai fatto traspirare alcuna emozione”, ammette la donna. Lui strangolò la moglie al culmine di una lite. Non voleva avere quel bambino che lei portava in grembo. Subito dopo averla strangolata, caricò il corpo su di un furgone ed andò in un sito di estrazione del petrolio dove lavorava, assieme alle sue figlie, ignare di tutto. Lì poi soffocò entrambe nella parte posteriore del mezzo e ne infilò i corpicini in dei serbatoi di petrolio. Watts seppellì invece la moglie in una buca poco profonda.