Can Yaman fidanzato sul set? La verità sugli attori di Daydreamer

La verità sugli attori di Daydreamer: per molti Can Yaman, divenuto un sex symbol anche in Italia, sarebbe fidanzato sul set.

(screenshot video)

Noto in Italia per la serie romantica ‘Bittersweet’ e per la successiva Daydreamer – Le ali del sogno, Can Yaman ha 30 anni, le sue origini sono miste, il nonno era kosovaro e la nonna albanese. Sin da bambino ha avuto una passione per l’Italia e al liceo ha deciso di studiare in una scuola privata italiana.

Leggi anche –> Can Yaman, chi è: età, carriera e fidanzata dell’attore turco

Amatissimo soprattutto dal pubblico femminile, di lui si è parlato spesso per una presunta relazione proprio con Demet Özdemir, attrice e sua collega, protagonista principale proprio della soap opera turca, che sta spopolando in Italia.

Leggi anche –> Daydreamer, chi è l’attrice turca Demet Özdemir: età, foto, carriera

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

C’è del tenero tra Can Yaman e Demet Özdemir di Daydreamer?

Tra i due si è vociferato un flirt da quando hanno recitato insieme, ma la coppia sul set ha smentito di esserlo anche nella vita. Fino all’inizio delle riprese della serie, nel 2018, l’attrice era fidanzata con il collega Seckin Ozdemir. Poi ci sarebbe stata una rottura, che è stata ritenuta legata a una presunta relazione tra lei e Can Yaman. Ma appunto si tratta solo di illazioni che i due protagonisti hanno tenuto a smentire.

“Non c’è amore con Can. Siamo solo amici”, ha spiegato anche di recente l’attrice turca. Che sulla fine del rapporto col suo èx ha chiarito: “Non ho tradito Seckin. Ci abbiamo provato, ma non ha funzionato. Il nostro lavoro ci rendeva molto impegnati, non riuscivamo a incontrarci”. Anche Can Yaman ci tiene a ribadire che con la collega il rapporto è professionale: “Sono fortunato ad aver lavorato con Demet…è così energica! Quando qualcuno si sente giù, è lei a risollevargli il morale. È davvero molto spiritosa. Per questo, tra me e lei, fin dal primo momento c’è stata grande chimica”.