Vaccino Coronavirus: i volontari mostrano segni di immunità

Ci sono progressi positivi e speranze che arrivano da diversi studi sul vaccino contro il Coronavirus: i volontari mostrano segni di immunità.

(THIBAULT SAVARY/AFP via Getty Images)

Le speranze di successo di un vaccino contro il Coronavirus sono state potenziate dopo che i volontari hanno mostrato segni di immunità in studi separati. Sono due in particolare gli studi oggetto di attenzione, per i risultati positivi ottenuti.

Leggi anche –> Coronavirus, Fauci: ‘Vaccino pronto per fine 2020’

Uno di questi proviene dal Regno Unito e un altro dagli Stati Uniti. Il team britannico, dell’Università di Oxford, si sta concentrando in particolare sulle cellule T, che si sviluppano a seguito di una risposta immunitaria di lunga durata

Leggi anche –> Coronavirus, l’epidemiologo spiazza tutti: “Non è nato a Wuhan”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Progressi sul vaccino contro il Coronavirus: speranze elevate

In precedenza hanno affermato di essere “sicuri all’80%” di avere un vaccino che potrebbe funzionare entro settembre. Nel frattempo, un potenziale vaccino contro il coronavirus viene sviluppato dalla società farmaceutica statunitense Moderna. Anche in questo caso, gli esperti affermano che il vaccino ha prodotto una risposta immunitaria in 45 volontari sani.

I ricercatori hanno detto che i volontari che hanno ricevuto due dosi del vaccino avevano livelli elevati di anticorpi che hanno superato quelli osservati nei pazienti che si sono ripresi da Covid. I primi risultati di questa ricerca sono stati pubblicati sul New England Journal of Medicine. Entrambi gli studi sperimentali sul vaccino si basano sull’induzione del corpo a credere che sia stato infettato dal virus per provocare una risposta immunitaria.