Home News Rubò le ceneri della povera Elena Aubry, a casa sua scoperto un...

Rubò le ceneri della povera Elena Aubry, a casa sua scoperto un orrore inimmaginabile

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:16
CONDIVIDI

Rubò le ceneri della povera Elena Aubry, a casa sua scoperto un orrore inimmaginabile. La polizia rimane senza parole: “Mai vista una cosa del genere”. 

Elena Aubry

Emergono alcuni dettagli a dir poco osceni in merito a quanto accaduto alle ceneri della povera Elena Aubry, la giovane morta in un incidente con la moto avvenuto a Roma nel 2018.

Leggi anche –> Elena Aubry, la lettera straziante della mamma alla figlia morta in moto

La ragazza di soli 26 anni è rimasta vittima di una delle tante buche che caratterizzano la via Ostiense, un’irregolarità enorme nel manto stradale che le ha fatto perdere il controllo del mezzo e che alla fine l’ha portata all’atroce morte.

Leggi anche –> Elena Aubry, denuncia della mamma sui social: “Rubate le sue ceneri”

Come se tutto ciò non bastasse poco tempo fa la madre aveva denunciato l’assurdo. Qualcuno infatti aveva rubato le ceneri della figlia. La mamma Graziella Viviano aveva denunciato così pubblicamente l’accaduto: “Mai avrei pensato di dover fare una diretta per qualcosa di questo genere. Sono appena uscita dai Carabinieri, è successa una cosa allucinante.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

“Domani è l’anniversario della morte di mia figlia. Hanno aperto il sepolcro di Elena, dove era le ceneri di Elena. Sono sparite le ceneri di Elena. Qualcuno le ha rubate”.

Chi era il ladro delle ceneri di Elena Aubry, la scoperta raccapricciante

Non ci è voluto molto a scoprire che l’uomo che aveva rubato le ceneri era Marco Canocchia di 49 anni. Quello che nessuno poteva immaginare è che a casa sua le forze dell’ordine trovassero una vera e propria collezione di foto di ragazze morte rubate nei cimiteri. Una cosa tanto macabra quanto raccapricciante. Secondo gli inquirenti l’uomo potrebbe soffrire di una grave patologia mentale. Nel frattempo su di lui pende l’accusa di sottrazione di cadavere.