Home News Giovane incinta accoltellata dall’ex compagno: muore anche il bimbo

Giovane incinta accoltellata dall’ex compagno: muore anche il bimbo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:22
CONDIVIDI

Kelly Mary Fauvrelle era incinta e avrebbe partorito tra meno di un mese: lei e il suo bimbo sono morti nell’aggressione subita lo scorso 29 giugno. 

E’ stata brutalmente accoltellata nel sonno Kelly Mary Fauvrelle, una ragazza di 26 anni incinta che avrebbe partorito proprio in questi giorni. L’aggressione, subita lo scorso 29 giugno nel suo appartamento di Thornton Heath, periferia sud di Londra, non le ha lasciato scampo. E quattro giorni più tardi, il 3 luglio, la stessa tragica sorte è toccata al suo bambino. Il piccolo Riley, venuto al mondo con un parto cesareo d’urgenza, non è purtroppo riuscito a vincere la sua battaglia tra la vita e la morte.

Leggi anche –> Moglie uccisa | il marito la accoltella e delira | “Covid complotto del Governo” 

Leggi anche –> Femminicidio | picchia fidanzata | la impicca e la getta dall’8° piano | FOTO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La tragica sorte di una ragazza e del suo bimbo

Sono tre gli indagati per il brutale duplice omicidio, due dei quali non compariranno tuttavia in tribunale per insufficienza di prove. Solo il 25enne Aaron McKenzie, ex compagno della vittima e padre del bimbo, è finito a processo. L’omicidio della 26enne inglese all’ottavo mese di gravidanza e al settimo cielo per quello che sarebbe stato il suo primogenito ha sconvolto il Regno Unito.

Nell’appartamento teatro del bagno di sangue erano presenti anche alcuni parenti della vittima, che sarebbero stati svegliati dalle sue urla disperate nel cuore della notte. Nessuno di loro avrebbe visto l’aggressore, ma poche ore dopo la Polizia ha fermato tre uomini poi indagati per il delitto (anche se come detto non finiranno a processo). Al momento del’arresto McKenzie aveva con sé il coltello usato per colpire la vittima: una prova inoppugnabile. A decidere sulla sua condanna sarà ora un tribunale.

EDS