Home News Ragazzi morti a Terni, droga nei drink: hanno assunto metadone per sbaglio

Ragazzi morti a Terni, droga nei drink: hanno assunto metadone per sbaglio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:34
CONDIVIDI

I due adolescenti morti a Terni hanno miscelato ai loro drink metadone al posto della codeina. Proprio lo scambio di sostanze sarebbe stato fatale.

La tragica morte di Flavio Pressuttari e Gianluca Alonzi, i due adolescenti trovati morti in casa a Terni, ha portato alla scoperta di una pericolosa abitudine tra i minorenni. A seguito delle indagini condotte sul decesso dei due minori, infatti, gli investigatori hanno scoperto che molti adolescenti sono soliti consumare quella che in gergo viene chiamata “Purple Drank“. Praticamente si tratta di un cocktail a base di bevande gasate analcoliche e codeina o metadone.

Leggi anche ->Terni, i due adolescenti uccisi dal metadone a 15 euro

I due ragazzi avevano mescolato al loro drink la sostanza stupefacente, convinti che si trattasse della codeina: un analgesico oppiaceo contenuto in molti sciroppi. In realtà quello che gli avevano venduto era metadone, altro analgesico oppiaceo ma molto più potente. Proprio questo scambio tra le sostanze potrebbe essere la causa della morte: avendo infatti messo un quantitativo troppo alto di metadone i due giovani sono andati in overdose. Nei prossimi giorni sarà effettuata sul corpo dei due adolescenti un’autopsia per confermare la cause del decesso.

Leggi anche ->Terni, adolescenti morti d’overdose: il dramma dei genitori

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Ragazzi morti a Terni per overdose di metadone: avevano imparato a miscelare il drink da video sul web

Stando a quanto appreso dagli inquirenti nel corso delle indagini, i due giovani avrebbero imparato a miscelare il Purple Drank seguendo dei video su internet e ne avevano conosciuto l’esistenza ascoltando musica. Le informazioni sulle consuetudini dei giovani e sulla miscelazione dei cocktail sono contenute nel provvedimento che il Gip di Terni ha firmato per convalidare l’arresto del pusher che ha venduto il metadone ai due adolescenti.

Per quanto riguarda i funerali delle due giovanissime vittime bisognerà attendere che i medici legali terminino le autopsie. Secondo quanto appreso, infatti, gli esami autoptici sono previsti per questo sabato e solo una volta che saranno stati ultimati si potrà procedere con le cerimonie funebri e la sepoltura.