Patrick Hernandez: che fine ha fatto il cantante di Born to be alive

Cosa sapere su Patrick Hernandez: che fine ha fatto il cantante di Born to be alive, il successo in Italia e la parodia di Elio e le Storie Tese.

(screenshot video)

Classe 1949, nato in Francia da padre spagnolo e madre italiana, Patrick Hernandez è noto in tutto il mondo per un brano che lo ha portato a vendere milioni di dischi. Stiamo parlando di Born to be alive, uscito nel 1978 e che dà il titolo al primo disco del cantante.

Leggi anche –> Chuck Norris torna a recitare: il video inedito dell’attore

I numeri di quel singolo sono incredibili: il brano conobbe subito una grande popolarità in Italia, primo Paese in cui ricevette il disco d’oro. Poi quella popolarità divenne prima europea e poi mondiale. Il brano è considerato ancora oggi uno dei capisaldi della disco e viene ballato in tutto il mondo.

Leggi anche –> Nancy Morgan: che fine ha fatto Lotta Legs di Lucky Luke

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Che fine ha fatto Patrick Hernandez: il successo in Italia

In un anno, ottenne 52 riconoscimenti fra dischi d’oro e di platino in 50 differenti paesi. Successivamente, Patrick Hernandez pubblicò un altro album e moltissimi altri singoli, l’ultimo dal titolo Someone’s Stepping On My Mushrooms, uscito a inizio anni Novanta, ma la popolarità di Born to be alive non venne nemmeno lontanamente avvicinata.

Una popolarità che ha portato Patrick Hernandez a tornare in Italia, anche in anni recenti, ospite del format di Raiuno ‘I Migliori Anni’, condotto da Carlo Conti. Sempre dall’Italia arrivò la parodia del brano: “Born to be Abramo”, pubblicato nel 1990 da Elio e le Storie Tese. Il singolo originario venne ritirato dal mercato a pochi giorni dall’uscita e quasi subito uscì la nuova versione, contenuta nel singolo Saturday Night Strage. A fine anni Novanta, il brano venne inserito nella raccolta Del meglio del nostro meglio vol. 1 e inciso proprio insieme a Patrick Hernandez stesso.