Giorgio Panariello, il dramma dell’infanzia che fa commuovere tutti

Giorgio Panariello, grande protagonista con le sue imitazioni e i suoi personaggi della puntata odierna di Techetechetè, ha recentemente raccontato il dramma della sua infanzia.

Anastacia Panariello

Qualche tempo fa Giorgio Panariello di fronte a Mara Venier in una emozionante puntata di Domenica In ha parlato della sua infanzia spiegando di dovere tutto ai suoi nonni dato che lo hanno cresciuto loro in assenza dei genitori.

Leggi anche –> Giorgio Panariello, fratello morto a 50 anni: chi era Franco Panariello

“La mamma ogni tanto la vedevo” spiega Giorgio, “ma mio padre non l’ho mai conosciuto“. In un’altra intervista Panariello aveva spiegato: “La cosa più bella della mia infanzia? I nonni, la nonna. Come mi hanno accompagnato, tenendomi per mano. No, non ho mai sentito la mancanza dei genitori. Mia madre non è mai stata “la mamma”, è sempre stata come una zia. Quando mi ha avuto era molto giovane, mi ha affidato alla nonna, mio padre l’ha abbandonata, si è trovata sola, una ragazza madre. Non so neppure chi sia l’uomo con cui mi ha generato.

Leggi anche –> Giorgio Panariello, chi è la fidanzata Claudia Capellini: età, foto, vita privata

Per tanto tempo non ho voluto saperlo, poi, crescendo, con la ragione, ho cominciato a chiedermi chi fosse, ma non c’era più nessuno che mi potesse dare indicazioni. Penso che sia morto perché altrimenti si sarebbe fatto vivo: quel tipo di parenti, non appena sanno che hai successo, escono fuori, ti si presentano a casa”.

Ecco il monologo con la lettera al padre mai conosciuto:

Chi è Giorgio Panariello: l’uomo e il personaggio comico

L’artista nasce infatti a Firenze e trascorre l’infanzia a Cinquale, piccola frazione situata nel comune di Montignoso. Il piccolo Giorgio viene affidato ai nonni dalla madre che, a pochi giorni dal parto, decide di abbandonarlo.

Se vuoi sapere tutto sulla sua bellissima fidanzata Claudia Capellini CLICCA QUI

Quando gli è stato chiesto se la sua vita, iniziata il 30 settembre del 1960, sia stata per questo motivo difficoltosa il comico ha risposto semplicemente e con l’ironia che lo contraddistingue: “No, la mia non è stata affatto un’infanzia difficile, anzi è stata un’infanzia bellissima, piena di amore e di attenzioni.

Giorgio Panariello