Home News Michele Bravi incidente | il cantante patteggia 18 mesi di reclusione

Michele Bravi incidente | il cantante patteggia 18 mesi di reclusione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:37
CONDIVIDI

Il cantante Michele Bravi e l’incidente che avvenne a novembre del 2018. In quella circostanza morì una donna, ora arriva la decisione del giudice.

Michele Bravi incidente
Sentenza Michele Bravi incidente Foto dal web

Arriva la sentenza per Michele Bravi in merito all’incidente avvenuto il 22 novembre 2018. Il giovane cantante originario di Città di Castello, in provincia di Perugia, venne coinvolto in un contatto fatale con una donna che stava viaggiando su di una moto, a Milano.

LEGGI ANCHE–> Roberta Morise Ignazio Boschetto | i due stanno insieme? L’indizio

Bravi era invece a bordo di una auto presa a noleggio. A seguito delle gravi lesioni riportate, la donna morì. E per Michele Bravi ci fu da rispondere dell’accusa di omicidio stradale. Circostanza che ha tenuto bloccato per un anno e più l’artista, il quale si chiuse in un doloroso silenzio. Molti dei suoi impegni ufficiali vennero annullati. Soltanto di recente il giovane umbro ha saputo reagire mostrandosi in pubblico, con anche qualche apparizione in televisione. Intanto però il procedimento a suo carico è andato avanti.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Belen esce allo scoperto, le parole su Alessia e Stefano De Martino

 

Visualizza questo post su Instagram

 

21 Giugno Festa #SenzaMusica

Un post condiviso da Michele Bravi (@michelebravi) in data:

Michele Bravi incidente, la sentenza del tribunale

È del primo pomeriggio di giovedì 9 luglio 2020 la notizia secondo la quale Michele Bravi, per l’incidente di un anno e mezzo fa, ha scelto di patteggiare un anno e 6 mesi. Condanna che è interessata dalla sospensione e dalla non menzione della pena all’interno del suo casellario giudiziale. Questo vuol dire che la sua fedina penale resterà pulita.

LEGGI ANCHE –> De Martino-Marcuzzi, ecco la prova schiacciante: “Messaggi inequivocabili”