Impiegata pubblica tossisce volontariamente su un neonato e viene licenziata

Beccata da un video di sicurezza mentre tossisce volontariamente su un neonato, un’impiegata del distretto di San José è stata licenziata.

Alla fine del mese scorso il video di una donna che tossiva volontariamente addosso ad un neonato aveva destato scalpore in tutti gli Stati Uniti. Il video in questione era stato preso da una videocamera di sorveglianza di un negozio locale e mostrava il chiaro intento della donna di tossire sul bambino. Nelle immagini, infatti, si vede la signora che si avvicina ad una famiglia all’interno del locale facendo dei gesti verso il pavimento. Quindi si sporge verso il passeggino, abbassa la maschera e tossisce una due-tre volte.

Leggi anche ->Coronavirus, litiga al supermercato e tossisce in faccia alla cassiera

La madre del bambino si rende conto di cosa sta succedendo e allontana il passeggino dalla donna. Sia lei che il compagno sono rimasti basiti da un simile comportamento e non sapevano come spiegarsi il gesto della donna. Ovviamente l’hanno denunciato alla polizia che ha immediatamente preso possesso dei filmati e investigato sul caso. Immediatamente dopo l’accaduto la polizia di San José ha pubblicato un comunicato in cui raccontavano cos’era successo e spiegavano che in quel momento si stava procedendo all’identificazione della donna.

Leggi anche ->Coronavirus Italia | ubriaca tossisce sui poliziotti al controllo

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Licenziata l’impiegata che ha tossito sul neonato

Per giorni non ci sono stati sviluppi sulla vicenda, finché il distretto scolastico di Oak Grove non ha comunicato di aver preso la decisione di licenziare la donna: “Come molti sapranno, ci sono accuse ai danni di un’impiegata del distretto coinvolta in un incidente, nel filmato sembra che la persona in questione tossisca volontariamente su un bambino in una yoghurteria locale”. Nel comunicato in seguito si legge: “Vogliamo informare la nostra comunità che l’impiegata accusata di aver avuto quella condotta non lavora più nel distretto”.