Omicidio Vannini, Federico Ciontoli rivelazione choc: “Era uno scherzo”

Al via il nuovo processo per l’omicidio di Marco Vannini. Per Federico Ciontoli suo padre parlò per scherzo. Secondo Marina Conte vi sono state dichiarazioni vergognose. 

E’ da poco iniziato il processo d’appello bis per l’omicidio del giovane bagnino Marco Vannini, ucciso all’età di vent’anni da un colpo di pistola nella notte tra il 17 e il 18 maggio 2015 mentre era a casa della fidanzata a Ladispoli, in provincia di Roma. Durante la prima udienza del processo, il fratello della sua ragazza, Federico Ciontoli, fa una dichiarazione sconcertante.

LEGGI ANCHE -> Marco Vannini, il libro di mamma Marina per farlo conoscere

LEGGI ANCHE -> Marco Vannini, l’audio mai sentito prima: “Mi fa male, ti prego basta”

Mio padre diceva che Marco si era spaventato per uno scherzo e io gli credetti, non c’era nessuna ragione per non farlo“, questa la dichiarazione spontanea di Federico Ciontoli nella prima udienza del processo. Per la madre della vittima, questa è una “dichiarazione vergognosa, nemmeno una parola per Marco“. Poi, il figlio di Antonio Ciontoli, imputato nel processo, ha proseguito: “Non c’era niente che mi spinse a non credere in quello che mio padre chiamò ‘colpo d’aria’, del cui significato non mi interessai essendo stato solo uno scherzo“. Il giovane continua a sostenere di non aver mai voluto nascondere qualcosa e di aver chiamato immediatamente i soccorsi di sua spontanea volontà, dicendo che Marco non respirava. Ha poi raccontato di come, negli ultimi anni, abbia avuto paura di essere aggredito mentre si recava a lavoro o mentre camminava per strada da giornalisti in cerca di estorcere un’intervista o persone arrabbiate per come veniva rappresentato in televisione.

LEGGI ANCHE -> Caso Marco Vannini, spunta una frase di Federico Ciontoli mai messa agli atti

Un nuovo processo d’appello bis per la famiglia Ciontoli

Il 7 febbraio, la I sezione della Cassazione aveva annullato la sentenza per la famiglia Ciontoli e disposto un nuovo processo. Per Marina Conte, la madre di Marco Vannini, le dichiarazioni spontanee di Federico Ciontoli sono vergognose. “Ancora non riescono a capire che è morto un ragazzo di venti anni. Continuano a girare il coltello nella ferita“, ha dichiarato al termine dell’udienza svolta a porte chiuse a causa dell’emergenza Coronavirus.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

omicidio Vannini