Gemelline nate con due teste e un solo corpo muoiono 9 giorni dopo

Le gemelline nate con un solo corpo e due teste a Samarcanda sono morte dopo 9 giorni dopo il parto, mentre erano ricoverate in terapia intensiva.

La loro nascita aveva suscitato l’attenzione e la curiosità della comunità scientifica internazionale. Il parto della donna uzbeka nell’ospedale pediatrico di Samarcanda era infatti diventato una notizia d’interesse internazionale. Le sue due figlie, infatti, erano un raro caso di parto gemellare congiunto: le gemelline erano nate con un solo corpo e due teste. Una condizione genetica rara che le ha esposte sin dal primo minuto di vita al rischio di una morte precoce.

Leggi anche ->Orrore in famiglia, gemelline neonate lasciate sole in casa: sbranate dal cane

Il personale medico dell’ospedale di Samarcanda aveva avvisato la madre dei rischi che avrebbero corso le due gemelline se avesse portato alla gravidanza. La loro particolare condizione, infatti, era stata notata alla 23a settimana di gestazione attraverso uno scan. Dopo la scoperta il ginecologo aveva consigliato alla donna di interrompere la gravidanza. La donna, spinta anche dalle pressioni del suo patrigno, ha deciso di portarla a termine ugualmente.

Leggi anche ->Gemelle siamesi unite alla testa: storica operazione al Bambin Gesù

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Gemelline con due teste ed un solo corpo muoiono 9 giorni dopo il parto

Il parto, un cesareo, era andato nel migliore dei modi ed i medici avevano portato le due gemelline nel reparto di terapia intensiva neonatale. Sin dal primo momento avevano specificato che la situazione era complicata, poiché le due bimbe avevano due cuori, ma solo un set di polmoni ed un unico intestino. Ciò nonostante avevano rassicurato i genitori che avrebbero fatto il possibile per tenerle in vita il più a lungo possibile.

Purtroppo, nove giorni dopo il parto, le gemelline hanno subito un arresto cardiaco e non c’è stato nulla da fare per salvare loro la vita. Un membro del personale ospedaliero commenta la tragica notizia dicendo: “Non è possibile immaginare cosa stia provando la madre in questo momento”. Il patrigno, invece, ha fatto ammissione di colpa dicendo: “Ho commesso un errore”.