Aids, nuova cura sperimentale: paziente guarito, non ha più il virus

Novità davvero importanti per quanto riguarda la cura dell’Aids con un nuovo trattamento attraverso un mix di farmaci: l’uomo è guarito

di un futuro senza farmaci

La conferenza Aids 2020 ha svelato novità importanti per quanto riguarda la cura del virus. In Brasile, precisamente a San Paolo, un uomo è stato trattato attraverso l’introduzione di un mix di farmaci. Sieropositivo dal 2012, l’uomo di 36 anni ha partecipato alla sperimentazione con l’intento di uccidere il virus a partire dalle cellule “reservoir“.  Un risultato davvero importante per quanto riguarda l’argomento delicato come l’Aids.

LEGGI ANCHE –> Aids, vaccino italiano fa sperare in un futuro senza farmaci

LEGGI ANCHE –> Morto il medico anti Aids Fernando Aiuti: fatalità o suicidio?

Aids, la cura del paziente guarito

Come spiegato durante la conferenza dagli esperti dell’Università federale di San Paolo, l’uomo è stato così trattato con un mix “aggressivo” di antiretrovirali e nicotinamide (vitamina B3). Successivamente la terapia è stata interrotta e nel sangue non c’è stata la presenza di infezione. Uno dei ricercatori coinvolti, Ricardo Diaz, ai microfoni de “Il New York Times“, ha svelato: “Anche se è un caso isolato potrebbe essere la prima remissione di lungo termine dell’Hiv senza un trapianto”. Così è stato curato senza l’urgenza di un trapianto di midollo osseo con novità davvero clamorose per l’immediato presente.