Maria Travia, chi è la moglie di Ennio Morricone: per tutta la vita al suo fianco

Maria Travia è stata la donna che ha accompagnato Ennio Morricone per tutta la vita, ma anche la sua fonte d’ispirazione e giudice severo.

Si dice che dietro un grande uomo c’è sempre una grande donna. Mai come nel caso di Ennio Morricone questo detto è calzante. Nei tanti anni di carriera del compositore deceduto a 91 anni, la moglie Maria è stata sempre al suo fianco, prendendosi cura della famiglia e donando al musicista la serenità e la libertà necessarie per comporre alcune delle musiche più belle della storia del cinema.

Leggi anche ->Ennio Morricone, chi era il compositore premio Oscar: età, vita e carriera

Donna riservata e dedita alla famiglia, Maria ha preferito stare sempre un passo indietro e non mostrarsi pubblicamente. Tuttavia, questa donna siciliana ma romana d’adozione, è stata un supporto importante e colei che ha sempre permesso allo storico compositore di tenere i piedi ben saldi sulla terra. Scopriamo dunque qualcosa in più sulla vita della Maria, la moglie di Ennio per 64 anni.

Leggi anche ->Morto Ennio Morricone, il musicista premio Oscar aveva 91 anni

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi è Maria Travia, moglie di Ennio Morricone

Nata a Gioiosa Marea (Messina) il 31 dicembre del 1932, Maria Travia si è trasferita con la famiglia a Roma quando aveva appena 1 anno. Sebbene fosse siciliana di nascita, dunque, la donna può essere considerata una vera e propria capitolina, visto che nella vita non si è mai spostata dalla capitale. Della sua vita si conosce poco, proprio perché ha sempre preferito non fare parte del mondo dello spettacolo.

Dopo aver conosciuto ed essersi innamorata di Ennio, Maria lo ha sposato nel 1956 e da quel giorno è stata la sua più grande ammiratrice, ma anche il suo sostegno nelle difficoltà. Mentre il marito componeva i suoi capolavori, lei si occupava di crescere i loro 4 figli (Andrea, Alessandra, Marco e Giovanni), cercando di supplire ai lunghi periodi di assenza del marito con amore e dedizione. Di lei Morricone diceva che era il suo giudice più severo, motivo per cui il compositore le volle dedicare l’Oscar per la Miglior colonna sonora.