Morta avvelenata | usa olio domestico per cucinare patatine

L’assurdo caso di una donna morta avvelenata per avere cucinato delle patatine. Come è avvenuta la tragedia in cui questa persona ha pagato con la sua vita.

morta avvelenata
Morta avvelenata per delle patatine fritte Foto dal web

Una donna morta avvelenata dopo un tragico errore in cucina. È questo il triste esito di quella che è una vicenda davvero assurda. Vittima è una 74enne che, come tantissime altre volte, si era messa ai fornelli.

LEGGI ANCHE –> Tigre allo zoo assale ed uccide una dipendente | visitatori sgomenti

Peccato però che, per friggere delle patatine, abbia scelto per sbaglio l’ingrediente sbagliato. Al posto del normale olio da frittura l’anziana ha infatti utilizzato del lubrificante, come acclarato da una apposita inchiesta. La vicenda è avvenuta nella località di Ripley, nella regione inglese del Derbyshire. La donna morta avvelenata si chiamava Carol Oldfield. Da quanto risulta, avrebbe lasciato le patatine a friggere a fiamma molto bassa. Nel frattempo lei si sarebbe concessa una dormitina ristoratrice. Il riposino però sarebbe durato molto a lungo. Due ore dopo essersi svegliata, l’anziana ha trovato del fumo ad invadere ogni parte del suo appartamento. Ed il grosso quantitativo inalato ha finito con l’ucciderla entro pochissimo tempo. Il coroner ha svelato i risultati dell’autopsia.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Muore a 3 anni di cancro: per i medici aveva solo una caviglia slogata

Morta avvelenata, lei non riusciva ad uscire da casa

Sono venuti fuori dei segni che indicavano il sorgere di una demenza senile. Lei stessa comunque aveva avvertito i vigili del fuoco, descrivendo in maniera breve e concisa quello che stava accadendo all’interno di casa sua. I pompieri hanno fatto sapere che la donna disse di essere da sola in casa senza riuscire a trovare la porta d’ingresso, a causa del troppo fumo. La vicenda risale al 6 marzo 2020 ma se ne ha notizia soltanto ora. I soccorritori erano giunti nel breve volgere di pochi minuti, riuscendo a fare uscire Carol. La quale sembrava non avere subito danni particolari.

LEGGI ANCHE –> Muore il bimbo di 10 anni ustionatosi durante un esperimento di scienze

Segni evidenti di inalazione di fumo tossico

Ma una volta in ospedale per dei controlli di routine, la situazione è cominciata a peggiorare. In particolare era emersa una tosse sempre più persistente, che in dieci giorni avrebbe contribuito a condurla alla morte. Una perizia da parte dei vigili del fuoco, confermata poi dai dottori, hanno evidenziato la presenza dell’olio utilizzato in ambito domestico di solito, ma impiegato questa volta per cucinare. Le sono state riscontrate una polmonite ed una inalazione di fumo tossico, come cause della morte. Cosa che l’ha avvelenata letalmente.

LEGGI ANCHE –> Auto invade il marciapiede e sfonda il negozio: muore un bimbo di 3 anni