Tetraquark: arriva dal Cern la nuova importante scoperta

Arriva la strabiliante notizia da Ginevra, realizzata al Cern. Si parla finalmente di Tetraquark, la particella composta da 4 quark pesanti.

È una notizia importante quella che arriva da Ginevra, e riguarda la fisica. Si tratta di una scoperta importante, e questa sarà sicuramente una data che gli scienziati ricorderanno. Dal Cern arrivano quindi notizie sul Tetraquark. Scopriamo tutto quello che c’è da sapere sulla nuova particella.

Leggi anche->Fabiola Gianotti riconfermata direttore del Cern: “Mai successo prima”

È la notizia di una particella formata da 4 quark pesanti quella che infiamma gli animi di tutti gli appassionati di scienza. Quest’ultima sembrerebbe essere stata identificata per la prima volta nella storia.

Leggi anche->Scienza, arrivano i neuroni artificiali: “Potranno combattere l’Alzheimer”

Arrivano le dichiarazioni di Giovanni Passaleva, il responsabile internazionale dell’esperimento LHCb condotto dal Cern. “Quella che abbiamo scoperto è speciale” racconta, riferendosi alla particella di Tetraquark. “perché è composta da quattro quark pesanti: due denominati charm e due anticharm.” Poi continua: “Rappresenta perciò un banco di prova privilegiato per lo sviluppo di modelli teorici delle interazioni forti.”

Leggi anche->Prima l’uovo o la gallina? La scienza spiega finalmente questa domanda

Sono stati impiegati decenni di ricerche per giungere al Tetraquark. Nel 2015 il Cern è riuscito a giungere alla particella composta da 5 quark, il pentaquark, ma per la scoperta del tetra ci sono voluti altri 5 lunghi anni. “Particelle definite ‘esotiche’ fatte da 4 quark sono note dal 2013, da 5 quark dal 2015. Ma questo è il primo con 4 quark pesanti.” spiega Giovanni.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Scoperta del Tetraquark: il fondamentale contributo italiano

La scoperta vanta un contributo italiano notevole. L’individuazione della particella infatti è stata resa possibile grazie ad un acceleratore Lhc del Cern con la partecipazione del gruppo lnfn, l’Istituto nazionale di fisica nucleare di Firenze. Questo ha avuto sin da subito il compito di portare avanti le analisi dei dati raccolti durante gli anni.