Uccide il vicino | gli sfonda il cranio con un martello | assurdo il motivo

Un litigio per futili motivi finisce in tragedia, con un uomo che uccide il vicino a colpi di martello. Tremende le ferite inferte alla vittima.

uccide il vicino
Prende un martello ed uccide il vicino brutalmente Foto dal web

Un uomo uccide il vicino di casa per via di una banale disputa sul muretto che separava le loro proprietà. L’assurdo delitto è andato in scena a Setterone, minuscola località che si staglia sulle alture comprese nella provincia di Parma, quasi al confine tra Emilia-Romagna e Liguria.

LEGGI ANCHE –> Gatto ucciso e cucinato per strada | succede a Livorno | VIDEO

L’omicida è un 63enne che si è scagliato contro un 70enne con inaudita ferocia. La vittima ha subito numerosi colpi alla testa, tali da causargli la morte. Da diverso tempo era in corso una vera e propria faida tra i due. Oggetto del contenzioso era il confine tra gli appezzamenti di terreno che appartenevano rispettivamente all’omicida ed alla persona uccisa. L’ultimo scontro verbale è culminato in una aggressione fisica. Il 63enne ha impugnato un martello, rompendo il cranio all’alto. L’assassino uccide il vicino e, nonostante abbia compiuto un orrore simile, prende e torna come se niente fosse in casa. La scoperta del corpo della vittima è avvenuta per caso. Un passante ha rinvenuto il cadavere vicino ad una strada comunale, chiamando poi immediatamente le forze dell’ordine. Era accanto ad un piccolo ponte, immerso nel suo stesso sangue.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Gemelli uccisi dal padre: l’uomo ha passato una vita tra oratorio e calcetto

Uccide il vicino, poi fa come se niente fosse: arrestato

Carabinieri e paramedici del 118 hanno assistito ad una scena raccapricciante. Il 70enne ucciso aveva lesioni devastanti alla faccia ed alla testa, in particolare alla nuca. In poco tempo le forze dell’ordine di stanza a Borgo Val di Taro hanno stretto il cerchio attorno al vicino di casa della vittima. Dopo un’irruzione nell’abitazione di quest’ultimo, sono emersi dei vestiti macchiati di sangue. Sottoposto ad interrogatorio, dopo alcune ore passate sotto torchio l’assassino ha nottetempo ammesso tutto quanto fatto. Ora è in custodia cautelare all’interno del carcere di Parma. Ritrovata anche l’arma del delitto, buttata via in un vicino ruscello. Nei confronti dell’autore di questo orribile delitto c’è da rispondere della grave accusa di omicidio volontario.

LEGGI ANCHE –> Parma | muore durante l’arresto | la famiglia | “Come George Floyd”