Vip e politici aderiscono alla richiesta di Yunus: “Il vaccino sia bene comune”

Personalità del mondo dello spettacolo, Premi Nobel per la pace e politici appoggiano la richiesta di Muhammad Yunus di condividere il vaccino con tutti.

Dall’inizio di maggio in Italia stiamo vivendo in una bolla di serenità, in cui l’andamento dei contagi di Coronavirus sembra non essere più preoccupante. Sebbene i dati siano incoraggianti, però, gli esperti continuano a ripetere che non bisogna abbassare la guardia e che una seconda ondata di casi gravi è una possibilità concreta. D’altronde in altre parti del mondo la fase acuta della pandemia non è stata superata (basti pensare a Brasile e Stati Uniti) e ci sono casi in cui si è dovuti ricorrere ad un nuovo lockdown, seppure locale (Pechino ed i due distretti della Renania, in Germania).

Leggi anche ->Cina Coronavirus | torna la paura | mezzo milione di persone in lockdown

La possibilità di un nuovo incremento dei casi anche in Italia, dunque, è tutt’altro che remota e, come specificato spesso in questi mesi, la certezza di essere al sicuro la si potrà avere solo quando sarà stato trovato un vaccino. Proprio perché il vaccino è l’unica fonte di certa salvezza, il premio Nobel per la pace del 2006, Muhammad Yunus, ha scritto una lettera il cui messaggio è sostanzialmente: “Il vaccino sia un bene comune”.

Leggi anche ->CoronaVac, ecco il vaccino che sconfiggerà il virus: “Efficace al 90%”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

101 personalità influenti appoggiano Yunus: il vaccino dev’essere un bene comune

La richiesta del Premio Nobel è stata appoggiata da 101 tra star internazionali, politici e premi Nobel. Tra i vip hanno firmato la richiesta di Yunus personalità del calibro di Bono degli U2, George Clooney e Matt Damon. Ma tra chi appoggia la liberalizzazione del vaccino ci sono anche premi Nobel come Desmond Tutu, Mikhail Gorbachev, Malala Yousafzai e Shrini Ebadi, nonché politici come Romano Prodi e l’ex presidente del Brasile Lula.

Nelle lettere inviate da questi si legge: “Noi sottoscritti rivolgiamo questo appello congiunto a tutti i leader globali alle organizzazioni internazionali e ai governi affinché adottino misure e rendano dichiarazioni ufficiali che dichiarano i vaccini Covid come un bene comune universale, esenti da qualsiasi diritto di brevetto di proprietà”.

origine Coronavirus